Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno XI N. 25 (456) del 6 luglio 2015
 
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TGISTE Luisa Mariani. Concentrata sul lavoro, ma non rinuncio a una risata con i miei colleghi di Giuseppe Bosso

Dopo diverse esperienze al nord, Luisa Mariani è tornata nella natia Campania dove è entrata a far parte della redazione di Piuenne (canale 17 del digitale terrestre) come conduttrice e inviata del tg.

Come sei passata da Telelombardia a Piuenne?
«Tornare a casa è sempre stato un mio grande desiderio, ma non senza prima aver fatto un'ottima "palestra" professionale; Telelombardia è una realtà che a tratti rimpiango, ma non sempre si può scegliere; in ogni caso l'idea di approdare in un contesto regionale, in Campania, innovativo, dinamico e con grandi prospettive ha rappresentato lo stimolo giusto per credere in un progetto che difficilmente associ al sud Italia. Tutto questo è Piuenne: mi piace definirla un fiore nel cemento, per citare un poeta dei giorni nostri; per dirla invece in termini sentimentali è stato amore a prima vista: seguendo generalmente il cuore, nelle scelte di vita, non ho avuto bisogno di pensare, bensì solo di fare e fare sempre meglio».

Hai riscontrato delle differenze tra le emittenti del nord e quelle del sud?
«In tutta onestà solo in pausa pranzo; intendo dire che al sud si mangia molto meglio. Quanto al resto, se hai la fortuna di lavorare con dei professionisti le uniche differenze che puoi riscontrare sono quelle caratteriali, e per fortuna che ci sono. Immagina che noia se fossimo tutti uguali?!».

Raccontaci la tua giornata tipo.
«Dipende dal turno di lavoro: tendenzialmente mi sveglio presto e ancora dal letto do un'occhiata, dal telefonino, ai principali siti d'informazione e mi "connetto" con il mondo; giunta in redazione, dopo la riunione con il caporedattore e gli altri colleghi, mi metto a lavoro: mi documento, leggo, scrivo, speekero i servizi e mi preparo per la conduzione del Tg; sono molto concentrata in quello che faccio, ma non perdo mai l'occasione di farmi una risata con i colleghi».

La dimensione locale ti sta stretta?
«L'informazione è informazione, ovunque. Un omicidio è un omicidio: ciò che conta è l'etica professionale, quindi il rispetto della verità dei fatti, che a mio parere è sacra. Non condivido lo scoop ad ogni costo; il telespettatore nel momento in cui sceglie di seguire il tuo telegiornale ti sta dando fiducia, non puoi 'tradirlo'; è a questo che penso. Piuenne è una realtà regionale che si occupa dei principali fatti di cronaca della Campania, dunque gli input e gli stimoli non mancano mai».

Qual è stato da quando sei arrivata a Piuenne l’evento o l’esperienza che ti ha maggiormente coinvolta?
«La diretta relativa alla visita di Papa Francesco a Napoli, lo scorso 21 marzo. Pur non lavorando come inviata l'ho vissuta con grande trasporto. Ma ammetto che sono state tante finora, purtroppo, le notizie che mi hanno scosso: dalla morte di Ciro Esposito a quella della piccola Fortuna, una bimba di soli 6 anni scaraventata dal settimo piano di una palazzina per mano di un orco assassino e pedofilo: sono cose rispetto alle quali non puoi mai abituarti».

Sei molto seguita da molti anni dai nostri utenti come potrai vedere sul nostro forum: cosa ti ha suscitato questo interesse nei tuoi confronti?
«Se sono molto seguita, come tu dici, ne sono felice. Posso solo augurarmi che continueranno a farlo».

Hai qualche accorgimento che segui dal punto di vista del look?
«Cerco di essere sempre all'altezza della situazione non perdendo mai di vista il mio gusto personale. Credo che l'immagine dica molto di noi per cui non puoi essere mai trascurata».

Cosa farai da grande?
«È un complimento? – ride, ndr - Comunque nulla di diverso da ciò che faccio ora: amo il mio lavoro».

Ti hanno mai messo il bavaglio?
«Mai: ho avuto la fortuna di relazionarmi sempre con editori aperti al confronto. Con capiredattori democratici e grandi professionisti che mi hanno sempre dato fiducia».
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
NONSOLOMODA Della conduzione, delle dirette e di Glossy Style: il mio bilancio sullo speciale per Magic Tv di Francesca Succi
dal blog
TheGlossyMag del 30 giugno 2015

Ultimo giorno di giugno, ultimo giro di corsa prima dell’inizio delle vacanze; almeno la corsa della conduzione, la mia, che a me (e a chi ha puntato su di me) sta dando molte soddisfazioni.

È finita l’avventura a Maranello in occasione della rassegna Maranello in Giugno e mi dispiace perché oltre ad aver lavorato mi sono divertita. E quando si lavora con passione e divertimento il risultato è sorprendente; proprio com’è stato. Ma andiamo per ordine perché con questo post volevo spiegarvi qualche punto che può essere interessante per tutti.

La conduzione in diretta (e senza scaletta)

Proprio come al Motorshow di Bologna, anzi qui siamo andati in onda proprio in diretta-diretta, ho replicato la conduzione sul momento e senza scaletta. Cioè ogni sabato e ogni domenica sono arrivata nel corner di Magic Tv senza sapere cosa poteva aspettarmi nelle due ore successive con la telecamera accesa, ma solo qualche minuto prima di lanciare l’ospite, giusto il tempo necessario per sapere qualche nozione di base. Non è facile, ma per come sono fatta è la chiave di conduzione più azzeccata – e ringrazio questa tv per avermelo concesso – perché riesce a tirare fuori la mia verve e il mio senso d’improvvisazione. Poi è chiaro, riesco a condurre anche con la scaletta sotto gli occhi, ma l’opzione suddetta risulta la mia situazione preferita.

Giornalismo e umorismo possono andare d’accordo? Nella mia conduzione sì!

Grazie alle diverse tipologie di ospiti avuti in questi giorni (Istituzioni, Cantanti, Comici e altro), e grazie alle incursioni di Antonello Soldi (proprietario di Magic Tv), ho potuto dimostrare che c’è un tempo per intrattenere facendo domande e scavando a fondo sull’argomento, ma c’è anche un tempo – in questo caso televisivo – per ironizzare al fine d’intrattenere il telespettatore, per quanto vario, in maniera leggera ed elegante. La televisione è pur sempre uno strumento per lo svago, non dimentichiamolo.
Inoltre, un aspetto fondamentale che ho capito è che per una conduzione vincente deve esserci un ingrediente: il senso di coinvolgimento per l’ospite e il telespettatore; che non è slegato o opposto, ma viaggia sullo stesso binario. Il conduttore è solo un tramite, cioè colui che rappresenta il telespettatore in quel preciso momento. Per questo non bisogna porre barriere: in conduzione si deve dialogare con l’ospite così come farebbe il telespettatore medio perché quest’ultimo, anche se è a casa e non è lì, è come se lo fosse. E a mio avviso dev’essere proprio questa l’abilità del conduttore, cioè trasportare il telespettatore nel luogo in cui si trasmette. Ora grazie al web e all’interconnessione di più mezzi di comunicazione (il lancio dell’hashtag in diretta per i social o la telefonata su Skype, per dire) questa importante particolarità è ancora più realistica. Fondamentale.

Glossy Style e il mio essere anche autore di un programma televisivo

Sempre in questo contesto, come annunciato mesi fa e con qualche incidente di percorso, mi sono cimentata in una parentesi legata anche a questo blog, Glossy Style. Il contenitore che ho prodotto grazie a tutti i professionisti coinvolti (che ringrazio!) è stato customizzato per lo speciale in termini di tempo e contenuti. Sono soddisfatta del risultato, anche se in ogni progetto – per il mio senso di perfezionismo – c’è sempre il modo di migliorare.
Comunque la soluzione proposta è stata ottima: ho voluto puntare tutto sul contenuto dando risalto alle professionalità di ogni persona intervenuta. E questo, il contenuto con il coinvolgimento del diretto interessato, è il connubio vincente per un prodotto web-televisivo sponsorizzato. In questo momento lo è!

Ora, quello che posso dire è che sono contenta di quello che ho fatto – perché avere rimpianti?! – e di quello che potrà nascere dopo quest’esperienza.
Il contesto locale, che vivo già da parecchi anni aspettando di spiccare il volo nazionale (perché io credo arriverà presto), è una buona scuola; la gavetta necessaria prima di essere catapultata in qualcosa di diverso su grande scala.

In conclusione volevo cogliere l’occasione di ringraziare nuovamente tutti coloro che hanno creduto in me e ringrazio anche quelli che non hanno creduto in me.

indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
TUTTO TV Reunion per il cast di Una mamma per amica di Lisa Pinto

Si sono ritrovati dopo otto anni i protagonisti della serie tv Una mamma per amica (titolo originale in Usa Gilmore Girls). Lo scorso 6 giugno in occasione del Television Festival di Austin che si è tenuto in Texas, il cast del fortunato teen drama si è ritrovato in un evento attesissimo da tutti i fan.

Presenti per l’occasione quasi tutti i componenti della serie che hanno potuto anche scattare selfie con i fan e soprattutto tra loro; l’evento ha riaperto le speranze per i seguaci della famiglia Gilmore in una nuova stagione che desse un finale degno alla serie o quanto meno la possibilità di un film per il cinema che potesse raccontare in maniera più dettagliata i capitoli (decisivi) della vita delle protagoniste.

L’annuncio è giunto all’autrice, Amy Sherman-Palladino, che non prevede, per il momento, la possibilità di un sequel;
la reunion però è stata molto apprezzata dai fan, che hanno avuto la possibilità di essere presenti all’evento e di poter vedere dal vivo i propri beniamini: sorrisi e battute tra i protagonisti ma anche emozione e commozione per l’apertura dell’evento in cui sono state proiettate alcune immagini di uno dei protagonisti, il noto attore Edward Hermann, scomparso lo scorso dicembre.

L’incontro tra gli attori e gli autori era molto atteso dai fan di tutto il mondo che hanno scritto e condiviso le proprie emozioni attraverso i social network; lo stesso entusiasmo e spirito di condivisione è stato vissuto dagli stessi protagonisti che hanno suggellato l’evento a suo di selfie e post celebrativi.

Una bella occasione per tutti gli amanti della serie che, nell’attesa di una nuova stagione, possono hanno potuto almeno sognare e rivedere gli attori a distanza di 8 anni dall’ultimo ciak. I protagonisti intanto non hanno nascosto la loro gioia nella possibilità di rivestire i panni di Lorelay, Rory, Emily e Luke e di tutti i personaggi che ruotano attorno alle Gilmore: adesso non resta altro che aspettare e vedere cosa accadrà dopo questo incontro.
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
PINK NEWS La sexy-modella principessa di Svezia: favola e realtà ai giorni nostri di Giuseppe Bosso

C’era una volta… così iniziano di solito le favole.

C’era una volta nella fredda Svezia una studentessa di contabilità che, per potersi pagare gli studi, si trovò d’improvviso modella senza veli per una rivista e, di lì a poco, protagonista di un reality show. Una nuova vita iniziava per lei, portandola anche a New York come direttrice di un centro di yoga. Ma in una favola che si rispetti non può mancare l’amore, che nel suo caso si manifestò come da prassi nelle vesti di un bellissimo principe che, malgrado le diffidenze e le resistenze per un passato poco in sintonia con i rigidi dettami della monarchia scandinava, sposò e, finalmente, vissero tutti felici e contenti.

No, non è una favola: è la storia di Sofia Hellqvist, fresca sposa di sua altezza Carlo Filippo, unico figlio maschio di Re Carlo XVI Gustavo e, con la sorella Vittoria, aspirante erede al trono di Stoccolma.

Sia pure senza il clamore mediatico e la risonanza che quattro anni fa avevano accompagnato il Royal Wedding d’Inghilterra di William e Kate, il matrimonio è stato accolto con curiosità e interesse dai media di tutto il mondo.

Non è certo la prima volta che un rampollo (o una rampolla) di una monarchia europea convola a nozze con una persona non di sangue blu; il passato nel mondo del porno di Sofia, in questo caso, aveva suscitato indubbiamente qualche resistenza, felicemente superata.

Ma è ancora tempo per le favole? Si può ancora sognare, ai giorni nostri, per storie come quella di Sofia Hellqvist? Molte barriere, molti paletti sono venuti a cadere nel corso dei secoli; le vicende, a tratti tragiche e dolorose di principesse come Grace Kelly e Diana Spencer, hanno appassionato i rotocalchi in maniera forse eccessiva, fino alle estreme conseguenze che, la notte del 31 agosto 1997, hanno portato alla morte di Lady D.

L’importante è che Sofia e Carlo Filippo possano, nel rispetto degli obblighi e degli impegni che comportano le regole di corte, vivere con serenità i loro giorni, in attesa dei figli che verranno. In fondo, non è anche questo un modo per ‘vivere felici e contenti’?
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne
DONNE Maria Rosaria Cenni. La musica, mia linfa vitale di Giuseppe Bosso

Tra le più apprezzate voci napoletane, incontriamo la cantante Maria Rosaria Cenni, molto impegnata in questo periodo tra rassegne e progetti in itinere.

Che sensazione ti ha suscitato la partecipazione alla finale del Festival di Napoli 2015?
«Partecipare al Festival di Napoli è stata per me una grande emozione: quando ho ricevuto la mail da parte di Massimo Abbate e Rino Giglio, sono saltata dalla gioia! Non capita tutti i giorni partecipare ad un grande festival come questo».

Come nasce una canzone per te? Da dove puoi trarre ispirazione?
«Le mie canzoni nascono da svariate situazioni: capita che mi viene da scrivere la notte, quando non riesco a dormire, o magari in riva al mare piuttosto che in treno in auto… o dal mio stato d'animo. Insomma, se il cuore mi dice prendi la penna e scrivi, inizio e non mi fermo più!».

Cos’ha rappresentato per te il Premio città di Pomigliano che hai ricevuto due mesi fa?
«Un onore ricevere un riconoscimento così ambito; ringrazio soprattutto la nota poetessa Tina Piccolo per avermi scelto tra tanti artisti illustri».

Cosa rappresenta per te la musica?
«La musica per me è linfa vitale, non riuscirei a farne senza: mi dà la forza per affrontare tutte le mie giornate, soprattutto quelle grigie… lei fa parte di me, e come si dice a Napoli a tengo dint'o sangue!».

I tuoi prossimi impegni?
«Mi sto preparando ad affrontare un’estate piena, tra serate ospitate piazze… e anche tanta beneficenza, che è la cosa che mi gratifica di più. Sto anche lavorando ad un nuovo progetto discografico… ma ne riparleremo più in là! Un abbraccio a tutti».
indice della pagina: Tgiste | Nonsolomoda | Tutto TV | Pink News | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster