Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno VIII N. 7 (309) del 20 febbraio 2012
 
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
TGISTE Laura Berti: pensiamo a migliorare il mondo di Giuseppe Bosso

Intervistiamo Laura Berti, volto del Tg2.

Come sei arrivata al Tg2?
«Nel 1995 Telemontecarlo mise in cassa integrazione (primo caso in Italia, se ben ricordo) molti giornalisti (ma, in modo scorretto a mio avviso, soprattutto donne) tra cui me. Mandai il mio curriculum a tutte le redazioni Rai, e un giorno, al ritorno da una vacanza, ricevetti un messaggio sulla segreteria telefonica da una collega che mi informava che, avendo l'Usigrai stipulato un accordo che prevedeva l'assunzione a tempo determinato di giornalisti disoccupati, mi veniva proposta una sostituzione alla redazione esteri. Pensavo fosse uno scherzo e invece...».

In tempi critici come questi quale deve essere il ruolo dell'informazione?
«Centrale. La storia insegna che non bisogna abbassare mai la guardia, soprattutto in momenti di incertezza, dove è maggiore il pericolo per la democrazia».

Cosa pensi della ventilata abolizione dell'Albo Pubblicisti?
«Sono molto attiva come sindacalista ma confesso che al momento non sono in possesso di molte informazioni su questa vicenda. Devo dire che comunque è una questione che andrà affrontata con attenzione; se e quando verrà applicata questa norma, potranno svolgere questa professione solo coloro che hanno superato l'esame di stato, cosa possibile solo dopo il praticantato. È un gatto che si morde la coda, perché scrivere come pubblicista è senz'altro più facile che ottenere il praticantato, ed è un modo per accedere alla professione. Esattamente come è stato anche per me? in sostanza credo che una garanzia per l'informazione e per la democrazia sia anche la possibilità per chiunque lo voglia, di accedere alla professione giornalistica, pur essendo doveroso fissare dei parametri di accesso».

Nel nuovo governo Monti avverti un modo diverso di porsi nei confronti dell'informazione rispetto a chi l'ha preceduto?
«Dovresti chiederlo ai miei colleghi della redazione politica; mi ha comunque fatto una buona impressione finora... mi mantengo sul generico perché come ben sai, rispondere a questa domanda, rivelerebbe le mie convinzioni politiche (pur molto salde) che secondo me noi giornalisti, mentre svolgiamo il nostro ruolo, dobbiamo tenere per noi stessi, altrimenti agli occhi di chi ci ascolta non saremmo più credibili perché potremmo essere giudicati poco obiettivi».

Con il Wwf hai realizzato di recente un dossier sulla deforestazione in Africa: cosa ti ha dato questa esperienza?
«Tantissimo. Lavorare al Tg è bello però è anche frustrante, non ti permette di esprimerti al di là dei pochi minuti del servizio. Invece il dossier, il reportage, sono il lato più bello del nostro lavoro che adoro e sono contenta di coltivare. Per quanto riguarda questa esperienza è stata personalmente molto bella, è un tema che mi sta molto a cuore e che dovrebbe essere maggiormente posto all'attenzione di tutti. L'Africa è un posto meraviglioso, va tutelata».

Cosa farai da grande?
«Spero di continuare questo percorso e, in futuro, di poter coltivare anche l'altra mia passione, la psicanalisi. Sto seguendo un corso di laurea in psicologia e nel mio lavoro posso talvolta trattare l'argomento. Magari, quando arriverà il momento della pensione dal giornalismo, potrei aprire uno studio (ride, ndr)!».

Se dovesse avverarsi la previsione dei Maya, quale sarebbe l'ultimo servizio che vorresti realizzare quest'anno?
«Credo che cercherei di raccontare la fine in diretta, ma ovviamente chi lo guarderebbe? In ogni caso non credo a questa cosa, e credo che sarebbe bene preoccuparsi piuttosto di migliorarlo, il mondo, anziché di pensare alla sua fine».
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
CRONACA IN ROSA La noia del posto fisso di Roberta Ricciardi

"Il posto fisso? Che noia". No, non è il riassunto di una chiacchierata tra amici.

È solo l’ultima delle numerose provocazioni che arrivano dal mondo politico. Protagonista questa volta è il Presidente Monti che, intervenuto qualche settimana fa nel programma televisivo Matrix sulla questione della riforma del lavoro e dell’art. 18, gela tutti con una battuta infelice.

Non siamo sui toni dei bamboccioni, sfigati e mammoni, ma, un tema così delicato come la riforma del lavoro meriterebbe ben altre argomentazioni introduttive, meno ironiche e più tecniche.

Il posto fisso, aspettativa naturale e quasi ovvia in passato, è quasi un sogno oggi, e non ci annoia.

"La riforma dell’articolo 18 non può essere un tabù e i giovani devono abituarsi all’idea che non avranno un posto di lavoro fisso per tutta la vita". Flessibilità che nel contesto sociale attuale si traduce in un’eterna precarietà.

Ingenuità del Premier che alimenta l’ennesima polemica, come se ne avessimo ancora bisogno.

Decisa, arrabbiata e indignata, e non poteva essere diversamente, la reazione dell’opinione pubblica. Facebook e Twitter, i due popolari social network, diventano campo di battaglia di una guerra di opinioni combattuta a suon di post ironici, e non solo.

"Monti, dillo alle tue banche che per un mutuo richiedono almeno tre anni di posto fisso"; "Abbiamo la cattiva abitudine di dover mangiare tutti i giorni"; "Questa sarebbe la più bella delle noie". Le frasi più gettonate.

Banalizzazione di un tema politico-sociale così complesso? Succede anche questo in Italia, oggi.
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
FORMAT Vuoi lavorare in Tv? Prima apriti un canale sul Tubo di Fausto Piu

Volete fare televisione e non sapete come fare? Scordatevi provini, casting e agenzie del mondo dello spettacolo.
Aprite un canale su Youtube, date consigli di cucina, moda o trucco e sperate che il vostro video sia visto dalla persona giusta al momento giusto.

Lo sanno bene Clio Zammatteo e Frank Matano, partiti dal web e approdati sul piccolo schermo.

Lei, in arte Cliomakeup, è una giovane artista che vive e lavora a New York. Il suo canale sul tubo è uno dei più visti in tema di trucco e i suoi video registrano una media di oltre duecentomila visualizzazioni. Il 6 febbraio, inoltre, ha debuttato con un programma tutto suo su Real Time. È stato un vero successo: il programma ha avuto 429.000 spettatori nel minuto medio con uno share del 2,3% sul totale della popolazione. E anche il suo canale ha registrato un incremento di visite del 254%. Brava Clio!

Lui, la Mentecontorta di Youtube, ha iniziato caricando video con scherzi telefonici, ottenendo tanto successo. Nell’estate del 2010 è approdato su Sky Uno alla conduzione di un programma (rivelatosi successivamente un flop) e attualmente è una delle Iene di Italia 1.

Non siete ancora convinti?

Lo scorso 28 novembre la testata giornalistica Mediaset Tgcom è passata da internet alla televisione, sfruttando l’ormai famoso slogan: nasce su Internet, arriva in Tv.

E anche la nostra redazione, ben consapevole della potenzialità del web, tra qualche settimana trasformerà una seguitissima rubrica in un servizio con voce e immagini!

E chissà che anche noi non finiamo in televisione…
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
HOT GIRLS Erotica top ten: i film per l'eccitazione di coppia di Francesca Succi

La sessualità di coppia non è più come quella di una volta? Volete ritornare ai ritmi dei vecchi tempi... per intenderci sette giorni su sette? Non riuscite a trovare l'input giusto per una notte di sesso sfrenato? Allora affidatevi al metodo osserva, eccitati e imita!

La soluzione ideale per una eccitazione a due è l'erotica top ten con i film più hot del panorama cinematografico. Non semplici clip porno "usa e getta" della durata di qualche minuto, ma veri lungometraggi d'autore, da guardare più volte, e tenere dentro al cassetto del comodino; o direttamente in quello vicino alla Tv.

Al primo posto 9 settimane e mezzo, con la conturbante Kim Basinger e il sensuale Mickey Rourke. Alla fine della visione fate partire You can leave yout hat on di Joe Cocker per lo streep tease. Entrambi, mi raccomando!

Si aggiudica il secondo posto La chiave di Tinto Brass con una provocante Stefania Sandrelli.

Terzo posto per Son de Mar di Bigas Luna, per un viaggio tra sesso ed Eneide. Per chi vuole unire l'utile al dilettevole della cultura.

Il quarto posto viene occupato da Tra le gambe con una protagonista/amante - in tutti i sensi - di rapidi incontri sessuali con altri uomini e una bomba sexy al maschile nel cast: Javier Bardem.

Al quinto abbiamo Il vizio di famiglia; per tutti gli amanti delle commedie all'italiana un po' pecorecce con Edwige Fenech.

Sesto posto per Emanuelle, la nota serie di film tra l'erotico e il pornografico. Con aspetti non solo erotici, ma anche esotici!

Il settimo posto se l'aggiudica uno dei pochi film erotici osannati dalla critica: Perdizione; per una storia torbida di sesso e soldi a... quattro! E, ovviamente, per le serate a quattro.

Ottavo posto con La calda pelle, ispirato ad un famoso saggio di Stendhal, che descrive con assoluta sensualità le varie sfaccettature dell'amore. Fisico e carnale.

Nono posto per Il macellaio con una protagonista d'eccezione: Alba Parietti. Tra i protagonisti anche la carne. Quella di due corpi che si amano, si avvinghiano e gemono dal piacere.

Decimo ed ultimo posto per Romance con un maestro nel cast: Rocco Siffredi.

E allora buona visione che, in questi casi, fa rima con eccitazione!
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne
DONNE Michela Marzano, filosofa dei limiti e della speranza di Giulia Fiume

«Un pensiero che balbetta, che non ha certezze, né verità assolute, ma verità incarnate»: è così che Michela Marzano definisce le proprie parole e il suo modo di indagare la realtà.

Filosofa e docente universitaria, ha poco più di 40 anni ed è già stata inserita tra i cinquanta pensatori più influenti della Francia dal Nouvel Observateur, distinguendosi dai suoi colleghi per la chiarezza e la semplicità con le quali cerca di trasmettere le proprie idee.

In molti l’hanno definita un classico esempio di “cervello in fuga”, una mente brillante di cui i francesi potranno certamente vantarsi, un’intelligenza che parla a tutti apertamente, senza fronzoli e narcisismi.

La sua filosofia è quella del corpo, meccanismo apparentemente perfetto che viene esplorato in tutte le sue complessità e fragilità. Michela parla dello scheletro umano e del comportamento come due entità indivisibili, due elementi che si compenetrano costantemente l’uno nell’altro, che si completano e si ostacolano insieme.

A partire dalle sue esperienze, la Marzano cerca di trasmettere a tutti gli insegnamenti che, in prima persona, ha ricevuto dalla vita. Crede nella forza delle parole, nella fragilità, nei limiti e nell’umiltà necessaria per poterli riconoscere e superare.

Tra i suoi numerosi romanzi, uno dei più apprezzati è sicuramente Volevo essere una farfalla. In queste pagine la filosofa racconta della sua lotta contro l’anoressia, dell’insieme di problematiche e di ostacoli che accompagnano chi, sfortunatamente, si ritrova a percorrere una strada come quella segnata da questa malattia.

«Ho sempre voluto cercare una forma di leggerezza, cioè sentirmi più leggera perché la vita era troppo pesante. (...) In realtà, più perdevo peso, quando ero vittima di questo sintomo, più la vita diventava pesante». Il suo racconto diretto e doloroso è un vettore che fa tramite ad un grande messaggio di speranza, la speranza di poter dare un senso migliore alla propria vita.

Lei stessa afferma che «la filosofia è un modo per raccontare la finitezza e la gioia. Gli ossimori e le contraddizioni. Il coraggio immenso che ci vuole per smetterla di soffrire e la fragilità dell’amore che dà senso alla vita». Noi ci auguriamo che questo coraggio possa essere trasmesso a tutti e che, nonostante tutto, non ci abbandoni mai.
indice della pagina: Tgiste | Cronaca in rosa | Format | Hotgirls | Donne

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster