Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Caterina Balivo tutte le interviste
Caterina BalivoTelegiornaliste anno III N. 4 (82) del 29 gennaio 2007

Caterina Balivo, Miss giornalista di Giuseppe Bosso

Caterina Balivo, pubblicista dal 2002, terza a Miss Italia nel 1999, si è fatta conoscere dal pubblico televisivo nel 2003, quando è entrata nel cast dell'edizione estiva di Uno mattina, curando una rubrica sul giardinaggio.
Dal 2005 conduce Festa Italiana su Rai1.

Da Miss Italia a conduttrice di successo: una carriera in continua ascesa. Sei soddisfatta? Dove vuoi arrivare?
«Ho cominciato in Rai come valletta e sono contenta, come accade in tutti li altri lavori, di avere fatto tutti gli step – da miss, a valletta, a inviata, arrivando alla conduzione, per il secondo anno consecutivo, di Festa Italiana, senza scordare il ruolo di testimonial per i miei cioccolatini preferiti!».

Salsomaggiore è stato un buon trampolino di lancio: credi che in questi concorsi si nascondano davvero le dive del domani?
«Tra cento ragazze, c’è sempre qualcuna con grandi potenzialità. Miss Italia è un ricordo lontano: non posso dire che mi abbia portato lavoro, ma sicuramente mi è servito per convincere i miei genitori che volevo intraprendere seriamente il lavoro in televisione».

Sei iscritta alla facoltà di scienze diplomatiche internazionali: meglio di scienza della comunicazione, per un aspirante giornalista professionista?
«Ho scelto questa particolare facoltà per meglio comprendere le dinamiche della politica estera e perché ha più sbocchi, in particolare quello nel mondo del giornalismo, diversamente da scienze della comunicazione che mi sembra essere troppo a senso unico».

Il grande pubblico ti ha conosciuta durante l'edizione estiva del 2003 di Uno mattina, in cui avevi al tuo fianco una grande amica di Telegiornaliste, Eleonora de Nardis: che ricordo hai di quella esperienza e della nostra Ele?
«Mi sono divertita tantissimo: eravamo sei ragazze e condividevamo tantissimi momenti, da quelli lavorativi a quelli privati, uscendo insieme, cenando insieme. Ho dei bellissimi ricordi… Ele era vulcanica, come lo è ancora!».

Immagine e bellezza sono davvero fattori vitali per sfondare nel mondo dello spettacolo?
«Niente è vitale nella vita, a parte l’aria!».

Intrattenimento ma anche informazione nel tuo curriculum, come testimonia la tua conduzione dell'ultima Uno mattina estate: quale di questi ambiti prediligi e su quale intendi proseguire per il futuro?
«Mi piacerebbe proseguire nella strada che già sto seguendo in Festa Italiana, ovvero quella dell’informazione e dell’intrattenimento».

A Festa italiana si può dire che per la prima volta ti vediamo "camminare da sola", dopo avere avuto compagni di lavoro come Giletti, Di Mare, Malgioglio, eccetera. A chi ti senti più legata e da chi pensi di avere principalmente appreso?
«Sono stati tutti ottimi compagni di lavoro,da ognuno ho imparato qualcosa, nel bene e nel male».

Da napoletano a napoletana: qual è il tuo rapporto con i tuoi luoghi di origine?
«Più vado in giro per il mondo, adesso per fortuna ho lo possibilità di farlo, e più mi sento vicina ad Aversa. Più vado in giro, più mi accorgo che la mia mamma cucina meglio di tutti e che i nostri prodotti tipici sono irrepetibili. Più vado in giro e più mi rendo conto di quanto sia bella questa “città delle cento chiese” in soli quattro chilometri, spero anzi di poter dare il mio contributo a farla conoscere meglio al grande pubblico italiano».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster