Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Alessandra Barone tutte le interviste
Alessandra BaroneTelegiornaliste anno IV N. 13 (138) del 7 aprile 2008

Alessandra Barone: giornalista sì, velina mai
di Giuseppe Bosso

Napoletana, Alessandra Barone ha esordito sulla carta stampata. Dopo aver partecipato al programma di Canale 21 Campania Sport dedicato al mondo del calcio, attualmente lavora al quotidiano Il Corriere del Mezzogiorno.

In un'intervista dichiarasti che non avresti mai fatto la velina. Una provocazione?
«Era ovviamente una battuta. Ho sempre sognato di essere giornalista e ho seguito con interesse lo sport. Il fatto è che, sebbene molte donne si siano fatte strada nel settore con competenza e professionalità, ancora si avverte una certa diffidenza, anche se in parte superata dal tempo».

Cosa si può fare per vincere definitivamente questa idea?
«Già quello che ho fatto a Campania Sport è importante. La gente mi seguiva e ha capito che il mio ruolo non era quello della solita ragazza che legge i risultati e le classifiche. Sono stata parte attiva del dibattito, non certo una valletta-immagine».

Hai iniziato con la carta stampata e poi sei passata alla televisione. Quali sono le differenze?
«Sono due contesti diversi. Sulla stampa devi cercare di essere chiaro per il lettore, mentre davanti a una telecamera devi saper coinvolgere lo spettatore. Al momento mi trovo bene alternando le due cose, ma so che prima o poi dovrò fare una scelta definitiva».

L’intervista più bella che hai fatto?
«Ricordo con piacere l’incontro con il mitico Carmando, massaggiatore del Napoli di Maradona, che mi ha raccontato come ha vissuto l’epoca d’oro della squadra azzurra. Un'altra volta intervistai un politico e rimasi colpita dal fatto che le mie domande erano state riprese da alcuni colleghi a livello nazionale».

E il complimento più bello che hai ricevuto?
«Sicuramente i complimenti della gente che mi considera come un’amica, che mi chiede sia nelle mail che ricevo che per strada quando mi incontrano opinioni sul Napoli e sul calcio. Non mi sarei aspettata tanto, anche se seguo assiduamente la squadra in casa e, a volte, in trasferta».

Quali prospettive di crescita professionale ti ha dato Canale 21?
«Tante. E' indubbiamente un buon trampolino di lancio oltre che emittente storica nel contesto partenopeo».

Questo Napoli può essere la rivelazione del campionato?
«Sta facendo molto bene, e gran parte di questo è merito di Reja. Malgrado le critiche, malgrado le perplessità, credo che a questo allenatore vada riconosciuto il fatto di essersi adattato a un ambiente non certo facile, con umiltà e professionalità. Non a caso, da quando è iniziato il periodo nero del Napoli con la retrocessione in B nel 1998, è l’allenatore che, più di tutti, ha retto nel tempo».

Napoli rivelazione, ma anche bersaglio della giustizia sportiva, dalle porte chiuse per la sfida casalinga con il Genoa al divieto delle trasferte a rischio per la tifoseria. Misure non sempre uguali per tutti…
«Sì, ma il paradosso è che quello che abbiamo vissuto nella tragedia di Gabriele Sandri è accaduto al di fuori dello stadio e quindi al di là del mondo del calcio. Certo, non si può dire che la giustizia sportiva sia stata finora benevola con la società azzurra, ma io eviterei di cadere nel vittimismo, come sento da più parti. Bisogna sapersi risollevare e guardare avanti senza perdere l’entusiasmo, anche di fronte a momenti negativi come questo».

I media possono contribuire a contrastare il sempre crescente fenomeno della violenza negli stadi?
«Certo, a cominciare da una corretta informazione che contribuisca a riaffermare quella concezione etica e sociale del calcio e dello sport, senza cadere nel vittimismo e senza soffermarsi su certi aspetti "gossippari". Questa è una tendenza che non mi piace».

Cosa pensi delle "telecronache di parte" di Mediaset?
«E' sicuramente un’idea carina: il Napoli è stato abbinato ad Auriemma, un personaggio molto simpatico. Comunque, secondo la mia idea, la telecronaca è un qualcosa che deve prescindere dalle simpatie sportive del telespettatore e deve essere imparziale e obiettiva».

Il programma che vorresti condurre?
«Sicuramente mi piacerebbe avere un programma mio, tanto come autrice che come conduttrice. Il massimo sarebbe Ballarò (ride, ndr), ma apprezzo molto anche Ilaria D’Amico che, a Sky Calcio Show, è sempre molto professionale e attenta».

E’ importante, secondo te, avere una grande libertà di informazione?
«Certamente sì. A volte può sembrare pura utopia, ma è importante avere comunque intelligenza e scaltrezza per riuscire a dare un’informazione corretta e trasparente. Per quanto mi riguarda, non mi sento e mi sono sentita mai condizionata nel mio lavoro, e spero di poterlo dire anche in futuro».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster