Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Rossella Brescia tutte le interviste
Rossella BresciaTelegiornaliste anno III N. 1 (79) dell'8 gennaio 2007

Rossella Brescia, artista a tutto tondo di Giuseppe Bosso

C'era una volta... Così inizia ogni favola che si rispetti e così inizia la storia di una ragazza determinata, nata a Martina, entroterra pugliese, che fin da bambina amava la danza e sognava di affermarsi come ballerina.

Ne ha fatta tanta di gavetta, e pian piano sono arrivati la televisione, il successo e l'amore del pubblico. Qualcuno l'aveva definita la sosia di Maria Grazia Cucinotta, ma ben presto la stella di Rossella Brescia ha iniziato a brillare di luce propria: dalla danza è passata alla conduzione di Colorado Cafè, senza disdegnare di muovere i primi passi nel mondo della recitazione con una parte nel serial Don Matteo.

Momentaneamente accantonata la televisione, oggi è una delle voci di punta di Rds, in onda tutte le mattine al fianco di Max Pagani e Joe Violanti. Ma prossimamente tornerà sul piccolo schermo, per la gioia dei numerosi fans che possono interagire con lei tramite il forum del suo sito ufficiale.

Grazie alla collaborazione di Erika Migliari, amministratrice del suo forum ufficiale, abbiamo raggiunto Rossella Brescia e l'abbiamo intervistata.

Rossella, come mai tanti personaggi televisivi si sono lanciati a fare i deejay?
«Penso che in questo momento la tv sia proiettata più sul genere reality, e per chi come me li guarda ma non vi parteciperebbe mai, la radio è la strada migliore per continuare a fare il proprio mestiere dignitosamente, tenendosi in costante allenamento».

Come stai vivendo l'esperienza a Rds e cosa comporta, rispetto alla tv?
«E' un'esperienza unica: provo l'ebbrezza, svegliandomi ogni mattina, di arrivare direttamente al pubblico, conquistarlo giorno per giorno. E' come costruire una casa mattone dopo mattone. Oddio! Mi sento un po’ Renato Zero!».

Una carriera a tutto tondo, la tua: ballerina, "postina", conduttrice, attrice e anche dee-jay: com'è stato passare tra ruoli così diversi? In che modo ti sei preparata?
«Rds è per me una scuola, che insegna a fare sempre meglio il "mestiere": mi piace improvvisare, cogliere attimi e momenti dei miei mitici compagni Joe Violanti e Max Pagani, che penso ringrazierò a vita perché sono loro che mi insegnano i trucchi del mestiere».

E' difficile per una donna bellissima come te risultare simpatica al pubblico?
«Non mi sento bellissima; forse sono solo piacente, e quindi non troppo legata al pensiero di essere sempre perfetta e impeccabile in tutto. Penso che la gente lo percepisca».

La tua "autocandidatura" a Sanremo è stata solo una battuta o conti davvero di essere sul palco dell'Ariston accanto a Baudo?
«Chi non vorrebbe andare a Sanremo? E' stato comunque un gioco, bellissimo, perché in quel momento dato, che Joe
è stato così credibile nell'imitazione, finisci poi col crederci davvero».

Qual è il gesto di affetto che ti arriva dritto al cuore?
«Sono i gesti più semplici: da un abbraccio fatto con verità a un sentimento di riconoscenza, a una carezza... Vi si è cariato un dente?».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster