Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Emilio Carelli intervista tutte le interviste
Emilio CarelliTelegiornaliste anno II N. 31 (63) del 4 settembre 2006

Emilio Carelli di Giuseppe Bosso

E’ con vero piacere che riprendiamo la pubblicazione di Telegiornaliste dopo le vacanze estive, incontrando il direttore di Sky Tg 24 Emilio Carelli.

Emilio Carelli, nato nel 1952, dopo aver conseguito la laurea in Lettere Moderne con specializzazione in Comunicazioni di Massa, nel 1975, all'Università Cattolica di Milano, diventa giornalista professionista. Approda in Mediaset (allora Fininvest) nel 1980, come redattore e inviato.

In Fininvest collabora come redattore e inviato dei diversi programmi giornalistici di Canale5, Rete4 e Italia1. Nel 1991 diventa vicedirettore di Studio Aperto, e l’anno dopo partecipa alla fondazione del Tg5 come vicedirettore e conduttore dell'edizione delle 13.00; rimane lì per nove anni, per poi diventare direttore responsabile di TgCom, la testata del gruppo Mediaset che si occupa dei new media, in particolare di Internet (Mediasetonline) e Teletext (Mediavideo).
Dal 16 giugno del 2003 è direttore responsabile di Sky Tg24.

Da tre anni lei è direttore di Sky Tg24: soddisfatto di questa esperienza?
«Molto. Ritengo che abbiamo ottenuto risultati importanti, realizzando dal nulla un news attivo 24 ore su 24 che ha saputo conquistarsi la credibilità degli spettatori e degli addetti ai lavori».

Quali differenze ha riscontrato tra la tv generalista, come Canale5 dove ha lavorato per anni, e quella satellitare? Cosa ha cercato di portare a Sky della sua esperienza passata?
«Ho cercato di portare a Sky la professionalità acquisita sulla scrivania del Tg5 in nove anni. Sulla qualità il discorso cambia, in quanto i ritmi sono più serrati proprio per il fatto che dobbiamo essere attivi tutto il giorno, cercando di informare i nostri spettatori puntualmente e in tempo reale. Le notizie dell’ultim’ora sono in flusso continuo, da dare anche in diretta; ritengo sia questa la principale differenza tra la tv generalista e quella satellitare».

Viviamo un periodo di grandi cambiamenti nel mondo dell'informazione, legati soprattutto agli ultimi ritrovati della tecnologia. Cosa vede per il futuro?
«Credo che il modo di fare informazione con questi strumenti sia profondamente cambiato, appunto per la possibilità che offrono allo spettatore di essere informato quasi sul momento, non appena succede qualcosa di rilevante, mentre fino a poco tempo fa tutto o quasi era vincolato ai canoni degli orari di messa in onda dei telegiornali».

Rispetto ai suoi esordi come è cambiato il mondo del giornalismo?
«Ho iniziato, tanti anni fa, battendo le agenzie sulla telescrivente. L’arrivo delle nuove tecnologie ha inciso anche sul modo di lavorare; io, ad esempio, mi occupo anche del montaggio dei servizi, una cosa impensabile fino a pochi anni fa. Ma a parte questo, direi che nulla è cambiato, il mestiere è sempre lo stesso».

Cosa consiglierebbe a chi volesse diventare giornalista?
«Io ritengo che per fare questo mestiere siano determinanti tre fattori: anzitutto, la vocazione, sentire di voler fare questo mestiere; poi, tanta passione, unita ad una grande curiosità e a un grande spirito di sacrificio; e, ultima non meno importante, una grande preparazione culturale. Chi riesce a combinare questi tre fattori, secondo me, può fare molto bene questo bellissimo lavoro».

In una tv satellitare è più facile arginare le pressioni della politica?
«Le pressioni sono uguali ovunque, nel mondo dell’informazione, ma è importante sapervi resistere; per quanto mi riguarda, una delle prerogative di Sky Tg24 è da sempre l’assoluta indipendenza, dichiarata fin dalla nascita, e penso che a distanza di tre anni siamo riusciti a mantenerci su questa linea, che continueremo a seguire».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster