Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Susanna Cutini tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 9 (41) del 6 marzo 2006

A pranzo con gli antenati di Nicola Pistoia

Un viaggio indietro nel tempo, tra i fasti imperiali o tra i feudi medioevali, alla riscoperta di sapori ormai spenti e profumi ormai svaniti. Questo è il sunto del nuovo programma partito su Alice Tv, canale satellitare di Sky dedicato alla gastronomia, e che viene trasmesso ogni giovedì sera alle 21.00.
A tavola con la storia
, questo il titolo dello show, si propone di far conoscere ai telespettatori i piatti storici, quelli che sono alla base della cucina moderna, per apprezzare ancora meglio quello che mangiamo.

Il racconto delle invenzioni e delle trasformazioni del cibo, dalle cucine dei castelli medievali alle tavole dei popoli latini, dalla cucina di magro dei cavalieri templari all’ abbondanza dei banchetti del principe rinascimentale, fino alla novità dei prodotti importati dal Nuovo Mondo e ai trionfi delle cucine contemporanee.

E ancora, la trasformazione delle sostanze naturali: nate come medicamento salvatore, divenute ingredienti insostituibili nella cucina di ogni epoca.
Il tutto sotto il rigido controllo di gourmet e specialisti di gastronomia storica, in ambienti che evocano sensazioni lontane ma sempre vive.

Una serie di personaggi tra figuranti, storici e autori che hanno creduto nella realizzazione di un format nuovo, originale e ben fatto.
Tra questi è d’obbligo citare chi fin dall’inizio ha sostenuto il progetto e lo ha portato avanti con amore e dedizione.

Parliamo di Alex Revelli Sorini, ideatore e conduttore della trasmissione, nonché esperto di gastronomia storica, e di Susanna Cutini (sua moglie, ndr), direttore del portale Taccuini storici, esperta di gastronomia storica e autrice del programma. L'abbiamo intervistata.

Come mai questo connubio, insolito per certi aspetti, tra storia e cucina?

«Senza dubbio perché sono appassionata sia di una cosa che dell’altra. Amo cucinare e adoro la storia. Mi piace capire i perché delle cose. Di certo la gastronomia è storia e la storia del passato è legata alla cucina moderna perché, inevitabilmente, l’ha influenzata. Fin dalla notte dei tempi i diversi piatti venivano associati ai grandi personaggi storici, che fossero Giulio Cesare o Napoleone. E quando si parla di gastronomia non si fa riferimento solo ed esclusivamente alla cucina, ma ad una serie di elementi come la tradizione, gli usi, i costumi e le leggende».

Come mai hai scelto la tv satellitare piuttosto che quella in chiaro?
«Il nostro intento, in verità, non è tanto quello di sbancare l’Auditel, come spesso accade per i programmi che vengono trasmessi sulle reti nazionale, bensì di offrire un programma nuovo, intrigante e che solletichi la curiosità dei telespettatori. Per cui puntiamo sulla qualità invece che sulla quantità. E poi il direttore di AliceTv, come donna, è stata entusiasta di appoggiare la nostra idea».

Cosa pensi dei tantissimi programmi che ogni giorno ci riempiono di ricette, talvolta inutili?

«Non amo dare giudizi negativi. Vorrei esprimermi, comunque, su un programma in particolare, che è forse anche quello più importante che parli di cucina: la Prova del Cuoco di Antonella Clerici. Trovo il programma molto divertente, poi Antonella è simpaticissima. Interessante la gara dei cuochi... e poi? La gente ha bisogno di curiosità. In antichità il risotto era definito giallo, oggi è alla milanese, perché? Quindi, non di una curiosità eccessivamente alta, ma sfiziosa. Per capire come si sono tramandate quelle ricette, magari in che periodo storico sono nate. Scoprire i perché della loro origine».

E della cucina moderna?
«Non posso che amare la cucina moderna, visto che è una trasformazione di quella storica. Ma c’è un problema. Secondo me tra qualche anno ci saranno molti più cuochi (cioè coloro che si occupano di cucina dal punto di vista professionale) che donne ai fornelli. Soprattutto ci saranno sempre meno persone (a causa anche della vita frenetica) che apprezzeranno il valore della ricette della nonna, il valore delle tradizioni».

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster