Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Emma D'Aquino tutte le interviste
Emma D'AquinoTelegiornaliste anno IV N. 28 (153) del 21 luglio 2008

Emma D’Aquino, impegno e passione al Tg1
di Giuseppe Bosso

Nata a Catania, Emma D’Aquino è giornalista professionista dal 2000. E' stata inviata di Porta a Porta per poi passare al Tg1 dove si è occupata prima degli speciali Tv7, poi della redazione di cronaca e politica.

Gioie e dolori di un’inviata del Tg1?
«Le gioie sono sicuramente il riconoscimento del tuo lavoro e non mi riferisco certo solo alla gente che ti incontra per strada. Quanto ai dolori, magari il fatto che capitano periodi in cui devi incentrare la tua vita solo su questo mestiere dalla mattina alla sera. Ad esempio, quando ho seguito per più di due mesi la vicenda del delitto di Perugia, mi è capitato di stare sul posto 24 ore su 24. Ma in fondo è una fatica che faccio molto volentieri».

Spesso si criticano i tg che danno troppo spazio ai fatti cronaca nera. Tu cosa ne pensi?
«Credo che il nostro telegiornale dia alla cronaca lo stesso spazio che hanno altri temi. Piuttosto la cosa che trovo indegna per chi fa informazione è soffermarsi sulle immagini più raccapriccianti. E’ una cosa inutile e dannosa per lo spettatore che, invece, ha diritto solo di essere informato sulla cronaca intesa come fatti che si sono svolti, senza trascendere nei particolari. Gli amici e le persone che conosco, per esempio, mi chiedono gli sviluppi dei casi che seguo e questo denota un grande interesse per i fatti di cronaca. Nessuno mi chiede i dettagli più scabrosi, spesso inutili da sapere».

Tra canali satellitari e web, lavorare al Tg1 rappresenta ancora una grande aspirazione per un giovane giornalista?
«Sì, almeno per me. Sono ormai sei anni che ci lavoro ed era il mio obiettivo. Ho avuto la fortuna di avere un grande maestro come Bruno Vespa in una scuola importante come Porta a Porta, ma il Tg1 era il mio sogno e sono felice di averlo realizzato. Sul lavoro possono capitare disparità di vedute, soprattutto su temi come la politica, ma è bene anche confrontarsi con chi non la pensa come te. Magari su qualcosa devi anche cedere».

L’intervista o il servizio a cui sei più legata?
«Un’intervista che feci per Tv7 alla figlia di un boss mafioso che viveva sotto protezione, avendo deciso di collaborare con la giustizia. È stato un incontro molto intenso: una persona che, dopo aver vissuto da bambina con il mito del padre, si era resa conto di una realtà crudele e aveva deciso di impegnarsi per combatterla a costo di sacrificare la sua stessa esistenza, rinunciando ad avere una propria libertà di movimento e una propria identità. Ecco, il telegiornale sicuramente ti limita nel parlare di queste storie. Devi rispettare rigorosamente una scaletta di servizi e soprattutto una durata spesso rigida. Nei programmi di approfondimento, invece, hai più spazio e puoi soffermarti maggiormente su queste storie. Un’altra esperienza che ho molto amato professionalmente è stata quella che ho vissuto a New York, da inviata di Porta a Porta, dopo l’attentato dell’11 settembre. Ho potuto conoscere un’America diversa da quella vista dalla visuale del turista, sono stata in posti dove le persone non potevano accedere e ho vissuto una realtà molto toccata da quell’evento».

Cosa pensi della polemica che Grillo ha scagliato contro l’Ordine dei giornalisti, di cui chiede l’abolizione?
«Grillo dice tante cose: alcune si possono condividere, altre no. Quanto all’Ordine, non è certo solo lui a chiederne la soppressione. Personalmente non capisco questa cosa: si tratta pur sempre di uno strumento di tutela della nostra professione».

Stefano Campagna, tuo collega del Tg1, raccontò per la prima volta, in una nostra intervista, di essere gay: da allora è cambiato qualcosa nei vostri rapporti in redazione?
«Assolutamente no. Stefano è un grande professionista e una persona molto simpatica. I suoi gusti sessuali sono una cosa che riguardano unicamente lui».

Cosa pensi di Telegiornaliste?
«E' un sito molto simpatico. L’ho scoperto per caso tramite un amico e mi sono fatta delle gran belle risate leggendo dei vostri utenti che si lamentavano di non vedermi in viso nei servizi, che volevano dei miei primi piani. Siete davvero molto bravi».

Il tuo sogno nel cassetto?
«Mi ritengo fortunata: faccio il lavoro che sognavo da sempre e in un contesto bello come quello del Tg1. Spero di continuare, anche se è un lavoro molto faticoso, ma con l’impegno e la passione tutto si sopporta».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster