Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Angelo Machiavello tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 35 (67) del 2 ottobre 2006

Angelo Macchiavello, giornalista, non eroe di Giuseppe Bosso

Giornalista professionista dal 1994, Angelo Macchiavello è entrato nella redazione di Studio Aperto dieci anni fa.
Per il tg di Italia1 segue i maggiori fatti di cronaca ed è inviato di guerra.

E' stata lunga la strada fino a Studio Aperto?
«Abbastanza. Dopo gli inizi in cui mi occupavo di realizzare documentari sulla natura e sui popoli lontani, partecipai alla nascita dei tg Mediaset quando individuai in Studio aperto quello che poteva fare al caso mio, in quanto aveva bisogno di gente disposta a viaggiare molto».

Per antonomasia Italia 1 è l'emittente dei giovani e anche il suo telegiornale è fatto su misura. In cosa vi differenziate dagli altri notiziari?
«Abbiamo una struttura particolare, andando in onda in orari diversi rispetto agli altri tg. Il pubblico dell'edizione delle 12.30 è abbastanza variegato, mentre quello dell'edizione serale è soprattutto giovane, per questo cerchiamo di trattare gli argomenti in maniera diversa, come la politica. Diamo molto spazio alla cronaca e ai personaggi. Soprattutto però cerchiamo di dare voce alla gente, come è capitato ultimamente per la vicenda dei "Bambi" del Piemonte, una campagna che direi ha funzionato benissimo. Penso sia una formula vincente, visto che gli ascolti, a quanto so, da anni sono costantemente in crescita».

Nel tuo blog sul sito di Studio aperto racconti l'esperienza molto forte che hai vissuto a Bassora durante la guerra. Cosa hai cercato di trasmettere ai visitatori del sito?
«Quando tornai dall'Iraq rimasi allibito nel vedere come la gente che incontravo per strada mi dicesse di essere stata in pensiero per me mentre mi vedeva lì, quasi fossi un eroe, cosa che non sono. Per questo ho voluto raccontare la mia esperienza cercando di far capire alla gente che i giornalisti che si recano nelle zone di guerra non sono eroi. Per me essere giornalista è appunto raccontare ciò che vedo coscientemente».

Quali sono le caratteristiche per poter affrontare esperienze come questa, oltre ovviamente alla grande predisposizione per il viaggio anche in zone a rischio?
«Occorre molta curiosità. Andare a raccontare la guerra non è certo facile e di solito il direttore di telegiornale sceglie colui che reputa il migliore. C'è sicuramente paura, ma il fatto che ti venga chiesto è indice che c'è fiducia in te, che si crede che tu abbia una marcia in più. Ho fatto, come puoi vedere, molta gavetta, una cosa che i giovani di oggi non amano molto. Per il resto, ti ripeto, occorre una grande curiosità e predisposizione al viaggio e una voglia infinita di imparare, che io definisco "sindrome di ornitologo".
Sicuramente andare in zone di guerra è molto toccante, ma io, in verità, considero l'esperienza più profonda e toccante di quelle di cui mi sono occupato quella della morte di Papa Giovanni Paolo II, molto più profonda di andare a seguire una guerra per poi essere considerato dalla gente un eroe».

Di fronte a esperienze atroci come appunto la guerra in Iraq o a fatti di cronaca dolorosi, quale deve essere l'atteggiamento giusto per il buon giornalista nell'adempimento del suo dovere nei confronti del pubblico?
«Distaccato. Se sei un cronista devi raccontare i fatti per come si sono svolti senza farti coinvolgere, altrimenti rischieresti di sbagliare, sia, ad esempio, nell'occuparti di un delitto, provando pena per l'assassino e convincendoti che sia innocente o viceversa che sia colpevole. E'dura, ma ormai, purtroppo, con queste vicende ho fatto il callo».

Hai lavorato anche con Ambrogio Fogar. Che ricordo hai di lui?
«Un grande uomo che aveva un grande problema: non era simpatico a tutti, cosa che lo faceva soffrire non poco. Gli devo molto, perché avevo lavorato già sulla carta stampata con lui e quando fui assunto a Mediaset, nel 1989, mi diede un grande aiuto. Ricordo che una volta l'Espresso pubblicò un articolo in cui era indicato tra i personaggi più antipatici della televisione, e lui ci rimase molto male. Mi chiese: Ma sono davvero così antipatico?. No, non era affatto antipatico, anzi, era una persona molto simpatica malgrado non lo desse a intendere».

Se tua figlia volesse intraprendere la tua strada, come ti porresti nei suoi confronti?
«Per mia figlia questo problema non si pone, visto che il suo sogno è fare l'architetto e per questo farà il liceo. Altrimenti sarei stato molto felice se avesse voluto seguire la mia strada, così come io ho seguito quella di mio padre, morto purtroppo quando ero molto piccolo e che quindi non mi ha potuto essere d'aiuto così come avrei potuto esserlo io con lei (attenzione, ho detto aiutare, non raccomandare!) nel darle i giusti consigli sul mestiere che reputo il più bello del mondo, ma che al tempo stesso ti pone davanti a sacrifici e rinunce. Soprattutto dal punto di vista affettivo, e te lo posso dire io che ho alle spalle due divorzi e una convivenza, nonché un altro figlio in arrivo, a gennaio, a cui metterò il nome di mio padre. Che sia lui la terza generazione dei Macchiavello?».

versione stampabile

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster