Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Daniele Moro tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 11 (43) del 20 marzo 2006

Moro, giornalista per vocazione di Filippo Bisleri

Abbiamo incontrato Daniele Moro, volto noto del Tg5 fin dai tempi dell’intervento della Nato nei Balcani, per raccogliere, in un’intervista, la sua esperienza professionale.

Come hai scelto di fare il giornalista?
«Credo di essermi accorto di voler fare il giornalista quando ero veramente molto giovane, tra la fine delle scuole elementari e l'inizio delle medie: sono cresciuto in una famiglia nella quale si leggeva molto e si scambiavano opinioni veramente differenti. Lo stimolo a capire era proprio molto forte. Venivamo dalla seconda guerra mondiale, che ha segnato, in casa nostra, i destini di molti, da chi è finito a Dachau poco più che bambino, a chi è andato al fronte con uno schioppo e ben poche idee. E noi, cuccioli del dopo-guerra, a fare i conti tra i racconti dei sopravvissuti che non erano attori del cinema, ma i nostri genitori, zii e nonni».

Cosa ti piace di più della professione giornalistica?
«La cosa più eccitante è vedere il mondo che cambia sotto i miei occhi, senza intermediazioni: la più frustrante è non poterlo quasi mai cambiare».

Quali sono gli argomenti che preferisci affrontare?
«I conflitti, il dolore dei bambini, dei più indifesi: credo di saperli mostrare senza offenderli».

Hai una preferenza per il giornalismo televisivo o ti piacciono anche altri media come la carta stampata o le radio?
«Il giornalismo è come la musica: ce ne sono di tanti tipi e ognuno è affascinante ed offre qualcosa che altri non ti danno».

Nella tua esperienza professionale hai un servizio, un personaggio o un'intervista che più ricordi?
«I personaggi che mi ricorderò sempre sono quelli che soffrivano davanti a me: come Pierre Seel, deportato dai nazisti perchè omosessuale, al quale le SS hanno fatto mangiare dai cani il suo compagno, davanti ai suoi occhi. Ci ha impiegato più di sei ore a raccontarmi una storia che in tv durava otto minuti. O i bimbi di un campo profughi in Corno d'Africa, che riuscivano a cantare con me avendo perso tutto, meno la voglia di vivere».

Chi sono stati i tuoi maestri di giornalismo?
«Uno dei miei maestri è stato Beppe Venosta, uno dei migliori giornalisti italiani(Panorama, Il Mondo, Il Sole 24ore): severo, ironico, coraggioso e molto molto paziente anche con me. Uno che il giorno del matrimonio di Lady Diana scrisse una pagina intera sul quotidiano di Confindustria raccontando i riti, spesso assolutamente ignoti a noi, dello sposalizio di due sconosciuti figli della classe operaia inglese con le sue manie e le sue follie. E in un post scriptum ricordare che: "Lady Diana Spencer, oggi, ecc”: se fosse nato a Londra gli avrebbero fatto un monumento. Al suo funerale, a Milano, eravamo in sei».

Tra colleghi e colleghe chi apprezzi di più?
«Non c'è una graduatoria: apprezzo chi ne sa più di me e più in fretta. Ce ne sono molti».

Molti sono i giovani che vorrebbero fare i giornalisti. Quali consigli daresti loro?
«Vedo che tanti miei colleghi sconsigliano questa professione: male. Il giornalismo rimane un sogno e neppure tanto irrealizzabile».

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster