Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Monica Papagna tutte le interviste
Monica Papagna: Fil Rouge XTelegiornaliste anno IV N. 12 (137) del 31 marzo 2008

Il Fil Rouge negli scatti di Monica Papagna di Valeria Scotti

Corpi femminili nel gioco della seduzione e dell'erotismo, immersi tra le contraddizioni e i sentimenti forti della nostra società. E' questo il sapore degli scatti di Monica Papagna, giovane fotografa con alle spalle già una lunga esperienza.

Qual è stato il tuo percorso artistico?
«Ho iniziato circa dieci anni fa frequentando la John Kaverdash School di Milano con Roberto Mineo come mio primo maestro. Ho poi partecipato a vari workshop negli ultimi anni. Due insegnanti, in particolar modo, mi hanno influenzata: Bob Sasha e Paul Elledge. Bob è stato il primo a capire quale sarebbe potuto essere il mio percorso artistico e Paul mi ha aiutata a svilupparlo.
Dopo le prime mostre nei locali di Milano, ho iniziato a collaborare con alcune gallerie. La svolta è stata la Marena Rooms Gallery di Torino che ha creduto in me ed ora mi rappresenta».

Nei tuoi scatti la carne nuda sembra dividersi tra il desiderio di sfuggire e quello di lasciarsi ritrarre dall’obiettivo. Seduzione ed erotismo attraverso un’immagine: come affronti questi temi?
Monica Papagna«La seduzione è un gioco sottile tra chi vuole sedurre e chi si presta ad essere sedotto. Il dialogo erotico si struttura attraverso un delicato equilibrio tra il desiderio e il suo oggetto. L’intendimento deve essere sofisticato ma immediato, ed è questo che cerco di trasmettere con i miei scatti: una comunicazione continua e sublime tra eros ed eros, quello di chi guarda, e quello di chi si lascia guardare».

Una peculiarità dei tuoi lavori riguarda la scelta di due soli colori, il rosso e il nero. Come mai?
«Effettivamente il mio progetto più conosciuto, Fil Rouge, si sviluppa attorno ai toni del nero e del rosso che, intrecciati tra loro, richiamano l’idea di mistero e di passione. Comunque ciò che più mi sta a cuore nella ricerca è riuscire a giocare con tonalità calde, costruendo atmosfere sempre diverse in cui luci ed ombre sfumano le une nelle altre, quasi fondendosi».

Monica Papagna: Fil Rouge ISei tra i pochi fotografi a non ritoccare gli scatti in digitale né con programmi di fotoritocco né con filtri. Quali sono i vantaggi, e gli eventuali svantaggi, dell'utilizzo di luci vere nel creare effetti?
«Io vedo solo vantaggi. Ritoccare un’immagine per me è comprensibile se si sta parlando di un lavoro commerciale, ma in generale considero l’arte un qualcosa di diverso. Quello che acquisisco con la macchina fotografica è il momento che voglio fermare nella sua immediatezza e solo quello deve essere stampato. Se ci sono delle cose che non mi piacciono, piuttosto elimino lo scatto durante l’editing, ma non ritocco nulla. E’ una precisa scelta stilistica. Ci sono artisti che usano Photoshop e mi piacciono moltissimo, ma semplicemente ciò non fa per me».

La curatrice Monica Trigona, in occasione della mostra alla Marena Rooms Gallery di Torino, ha dichiarato: «Monica Papagna impronta il suo lavoro sul gioco dialettico tra negazione ed enfatizzazione, su ciò che si vede e ciò che invece si deve spiare». E’ questa la vera essenza dell’erotismo?
«Assolutamente sì. Il desiderio si nutre di questo, da sempre. La mia soluzione è quella dell’eleganza, una chiave diversa in un momento artistico di Eros palesato, crudo ed esplicito. La mia proposta è quella della riscoperta del mistero, alla ricerca del non detto. Ed è proprio sulla negazione/enfatizzazione che si crea una sorta di appetibilità erotica intramontabile».

I tuoi scatti hanno fatto parte di numerose esposizioni in Italia e all’estero. Qual è stato il riscontro del pubblico?
«Finora sembra che il pubblico abbia apprezzato il mio lavoro. Un aspetto che mi ha un po’ sorpreso, ma anche fatto molto piacere, è stato il grande interesse dimostrato proprio dalle donne: hanno compreso il rispetto con cui il mio occhio ha cercato di esplorare la femminilità, mostrandone tutta la carica seduttiva senza scadere nella volgarità.
Ricevo quotidianamente riscontri via mail e rispondo a tutti i commenti personalmente. Anzi, invito le lettrici a contattarmi sul mio sito o sulla mia pagina MySpace».

versione stampabile

 


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster