Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista ad Attilio Romita (1) tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 27 (105) del 9 luglio 2007

Attilio Romita: la mia vita per un po’ di mondanità
di Nicola Pistoia

Attilio Romita, nato il 1° agosto del 1953 a Bari, laureato in Giurisprudenza, ha iniziato la carriera giornalistica in radio e tv locali. All'inizio giornalista sportivo, Romita è passato alla politica interna quando è entrato nella redazione della sede Rai di Bari.

Nel 1990 è stato trasferito a Roma al Gr1 e successivamente al Tg2, dove nel 1995 è diventato conduttore incominciando dall'edizione della notte, fino a quella delle 20.30.
Nel 2003 è passato al Tg1 dove ha ritrovato Clemente Mimun che lo aveva voluto conduttore al Tg2.

Le piace la vita mondana...
«La vita mondana è bella se non è dominata dalla sfrenata voglia di apparire. Insomma mi piace la mondanità se è fatta di tavole ben apparecchiate, vini eccellenti, belle donne, uomini eleganti e buona musica».

Lei è considerato, tra i giornalisti della tv, quello più mondano. Presenzia in diverse trasmissioni televisive e viene spesso fotografato dai paparazzi. Questo influisce sull'autorevolezza di un giornalista?
«Mi pare tutto regolare e in linea con i comportamenti che un giornalista della tv pubblica deve tenere: accetto gli inviti alle trasmissioni dove mi diverto e alle serate dove so di incontrare amici simpatici. Di norma vengo fotografato dai paparazzi in compagnia di mia moglie. Credo che l'autorevolezza di un giornalista si misuri nelle situazioni in cui deve dimostrare cosa è capace di fare, e non durante il suo tempo libero. Conduco tg nazionali da una dozzina di anni e non mi pare che si siano verificati incidenti professionali degni di nota. Non basta?».

Cosa pensa dei tantissimi suoi colleghi che dal giornalismo sono passati a fare spettacolo?
«Buon per loro, ma io preferisco condurre un telegiornale importante come il Tg1 delle 20.00. Questa conduzione mi è stata offerta a suo tempo da Mimun e poi confermata da Riotta. Io sono grato ad entrambi e credo che per nessuna ragione al mondo vi rinuncerei, neppure se mi dovessero offrire la conduzione di un programma di successo. Cosa che peraltro non è mai venuta in mente a nessuno».

Siamo stati investiti dal caso "Vallettopoli". Abbiamo ascoltato i pareri di tante persone: lei cosa pensa? Il giornalismo, secondo lei, come reagisce di fronte a queste cose?
«Vallettopoli è figlia del nostro tempo. Un film del geniale Muccino con la Romanoff aveva anticipato in qualche modo tutto quello che poi abbiamo letto sui giornali e nei verbali degli interrogatori. Io sono del parere che tutto il marcio vada ripulito, senza fare di tutta l’erba un fascio.
Non è vero che tutte le aspiranti attrici o conduttrici sono disposte ad andare a letto con chiunque pur di avere un parte, e non è vero che tutti i potenti della tv e del cinema assegnano solo ruoli di rilievo alle “gnocche” disposte ad andare a letto con loro. Insomma non tutto è marcio, ma le furbe ed i corrotti vanno presi a calci nel sedere».

Cosa non le piace?
«Non mi piace la vita mondana popolata da morti di fama che perdono il sonno pur di apparire».

Il sogno nel cassetto che vorrebbe vedere realizzato?
«Il mio sogno nel cassetto è piuttosto scontato. Da giornalista che si occupa di politica da molti anni mi piacerebbe condurre un talk show in stile Porta a Porta. Mi accontenterei che mi fosse affidata una trasmissione del genere Sottovoce. Mi piace, infatti, l’idea di poter tirare fuori l’anima dei personaggi intervistati, un po’ come fa Gigi Marzullo, ma io forse oserei un po’ di più».
 

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster