Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Sara Segatori tutte le interviste
Sara SegatoriTelegiornaliste anno III N. 24 (102) del 18 giugno 2007

Sara Segatori, l'entusiasmo della professione
di Giuseppe Bosso

Sara Segatori, nata a Foligno il 5 febbraio 1973, è laureata di Lingue e Letterature straniere ed è giornalista professionista dal 5 febbraio 2001. Ha lavorato alla redazione politica del Giornale Radio Rai e presso Radio Capital. Nel 2003 ha condotto Tg3 Doc. Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua attuale esperienza ad Agri3.

Agri3, la rubrica che conduci fino a fine mese, sostenuta dal il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, si può definire un vero e proprio tg dell'agricoltura e dell'alimentazione: hai avuto bisogno di una specifica preparazione per poterlo condurre o ti ci sei buttata a capofitto?
«Mi ci sono buttata. Anche perché è stato un caso. Quando sono arrivata al Tg3 (per passaparola) ho lavorato alla rubrica sul lavoro Articolo1, che poi è finita. Sono transitata per un'altra rubrica su alimentazione e salute (Doc), durata pochi mesi. E poi è arrivata questa convenzione con il Mipaaf. E' stata una sorta di scommessa di tutta la redazione di Articolo1 e Doc. Non puoi sapere tutto di ogni argomento: quando sei a tempo determinato, poi, ti capita più spesso di cambiare settore. Quindi cerchi ogni volta di prepararti il più possibile sugli argomenti e di essere più onesto che puoi in quello che dici».

In Italia, e non solo, al centro dell'attenzione sono il tema del clima e i vertiginosi cambiamenti che stanno riguardando il nostro pianeta. Il mondo dell'informazione che ruolo può svolgere?
«Il mondo dell'informazione ha una responsabilità incredibile in positivo e in negativo. Con argomenti così delicati come il clima o le emergenze sanitarie e alimentari, ad esempio, devi cercare di stare ancora più attento: per quello che mi riguarda, tento di sentire più opinioni di esperti che posso. Trovo sbagliato tanto creare falsi allarmi, quanto nascondere l'evidenza. E' un equilibrio difficilissimo».

A chi hai cercato di dare voce, ai lavoratori del settore o al consumatore con le sue pur giuste richieste?
«Proviamo a dar voce ad entrambi. Anche se puntiamo molto ai lavoratori del settore perché nel panorama televisivo, secondo me, sono quelli che al momento hanno un po' meno voce».

C'è stato qualche particolare argomento che ti ha interessato trattare o qualcuno che ti ha messo in difficoltà?
«In difficoltà, non direi. Certo, qualcosa è meno nelle mie corde, ma non sono sola, il responsabile della rubrica è sempre molto presente e aiuta tantissimo tutti noi, pur lasciandoci ampio margine di manovra. Gli argomenti che mi interessano di più sono quelli con un risvolto sociale, tipo lavoro nero o esperienze di lavoro positivo: ad esempio ho fatto dei servizi su esperienze con persone affette da disagio mentale».

Dopo questa esperienza ti piacerebbe passare alla redazione del Tg3 o di qualche altro tg nazionale?
«Beh, a chi non piacerebbe lavorare nel cuore del giornale! Però qui ho anche la conduzione, che mi diverte tantissimo. Ci sono finita per caso: era andata via la conduttrice, e il responsabile, quando mi ha conosciuto il giorno del colloquio, ha deciso di farmi fare qualche prova; poiché avevo condotto a Rainews24, mi sono trovata bene. Devo tanto al mio "capo", davvero! Ed eccomi ancora qui, fino a fine giugno con il contratto ad Agri3 Poi... vedremo!».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster