Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Marco Travaglio tutte le interviste
Marco Travaglio e Silvia GrassettiTelegiornaliste anno III N. 30 (108) del 30 luglio 2007

Come far arrossire Marco Travaglio di Silvia Grassetti

Ostenta tranquillità e si muove con pacatezza in ogni contesto: che sia alla presentazione del suo ultimo libro, in tv ospite di Luttazzi (chi non ricorda la puntata di Satyricon che costò il posto al comico e la vicenda giudiziaria che ne seguì?), o ad Anno Zero a leggere le sue lettere fastidiose indirizzate ai vari protagonisti delle cronache politiche e giudiziarie.

Marco Travaglio dimostra sempre un aplomb che fa invidia: l’ultimo in ordine di tempo a caderne vittima è stato Giancarlo Perna de il Giornale, secondo cui l’incrollabilità di Marco risiede nel non dire le proprie opinioni, limitandosi a tradurre in italiano il «gergo delle carte bollate».
Travaglio ha risposto agli appunti di Perna con la solita calma. La querelle che ne è nata non sembra sfiorarlo.
Marco Travaglio
Solo noi di Telegiornaliste siamo riusciti a metterlo in imbarazzo. Non è stato facile.
Per prima cosa tentiamo di blandirlo: magari arrossirà compiaciuto.

Marco, il lavoro di giornalista che stai facendo è unico, nell’Italia degli ultimi anni.
«No, non è unico, assolutamente: nei giornali ci sono tanti che lavorano bene. Purtroppo in televisione è molto più difficile, ma nei giornali ce ne sono tanti».

Nulla di fatto: ci ha risposto senza battere ciglio, mantenendo il colorito roseo di sempre. Tentiamo allora con una critica.

Marco Travaglio e Silvia GrassettiCritichi la tv ma la fai: eppure quella televisiva è comunicazione, non informazione.
«E’ proprio pubblicità! La gran parte dell’informazione in televisione è pubblicità ai partiti che la controllano. La tv è costruita dai partiti a loro immagine e somiglianza. Non so nemmeno se sia giusto prendersela con questo o con quello. Chiaro che Vespa è una cosa al di là del bene e del male, ma Vespa è anche il prodotto della televisione dei partiti. Se non ci fossero i partiti non dico che Vespa non avrebbe nemmeno una serata, ma sicuramente non ne avrebbe quattro».

Ammirati dal suo self control, possiamo solo dichiarare la resa. Gli chiediamo con sguardo sognante se noi orfani di Montanelli possiamo iniziare a chiamarlo papà.
E qui avviene l’insperato. Marco arrossisce, abbassa gli occhi, e quasi balbettando risponde:
«No assolutamente, non c’è… Io non c’entro niente… Grazie per l’incoraggiamento ma proprio… C’entro solo per il fatto che ho lavorato in due suoi giornali…».

Missione compiuta.

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster