Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Silvia Tocci   Tutte le interviste tutte le interviste
Silvia TocciTelegiornaliste anno IX N. 15 (359) del 15 aprile 2013

Silvia Tocci: Ostia tv, la mia creatura che non abbandonerò
di Giuseppe Bosso

Professionista dal 2005, direttore responsabile e tra i fondatori della web tv del litorale romano, Ostia tv, con alle spalle svariate esperienze sulla stampa e in tv, intervistiamo Silvia Tocci.

Com’è nata Ostia tv?
«Sul territorio del litorale romano, che vanta un ampio bacino di utenza, ci sono sempre stati molti giornali e mezzi di comunicazione ma nel 2007 ancora non esistevano quotidiani online o web tv dedicati. Siamo stati un po' pionieri del web sul nostro territorio. L’apprezzamento più bello l’ho ricevuto quando, intervistando Vincenzo Mollica, mi ha detto «siete la memoria storica del territorio, l’archivio di quello che succede in una importante comunità». Ostia infatti è una città nella città, meritava che ci fosse un mezzo di comunicazione così. La ‘nicchia’ è il futuro dell'informazione».

E infatti nel vostro piccolo avete fatto notizia, venendo anche citati da Striscia la Notizia e da molti altri programmi tv, quando, tempo fa, avete ripreso un consigliere municipale in una situazione non molto commendevole.
«Sì. Ti riferisci a un consigliere del Pd, che in occasione di un occupazione dell'aula consiliare contro il bando delle spiagge libere del comune, finì col creare una situazione a dir poco imbarazzante. I toni furono accesi quel giorno... dal video potete vedere com’è andata veramente; vi posso solo dire che ho deciso, dopo averci pensato bene, di trasmetterlo perché ritengo che il nostro dovere sia sempre e comunque quello di rappresentare la verità senza interessi o condizionamenti di alcun tipo».

Ritieni che sia davvero in atto un cambiamento o alla fine tutto tornerà come prima?
«Mi auguro che un cambiamento ci sarà, ma ritengo che l’Italia non sia ancora pronta per una ‘rivoluzione’ vera e propria; mi auguro però che la classe politica tradizionale riesca a percepire questi stimoli, e che si renda conto che il suo compito non è quello di accontentare pochi, ma tutti i cittadini».

Mesi fa ha tenuto banco il caso-Fiorito: non ritieni che si sia data troppa importanza a una vicenda che, pur nella sua gravità, in definitiva è risultata meno grave rispetto ad altre, ben peggiori, ruberie pubbliche?
«Ho avuto l’impressione che costituisse una sorta di capro espiatorio. Intendiamoci, i colpevoli vanno tutti puniti; ma come lui credo ci siano altri che dovrebbero rispondere di ciò che hanno fatto. Ritengo comunque che sia nostro dovere portare alla luce queste vicende, grandi o piccole che siano».

La giornata tipo del direttore di Ostia tv?
«Non è mai uguale, 24 ore su 24 sulla notizia: cronaca nera, ma non solo. È la città che scandisce i miei ritmi».

Sei tra i direttori di testata più giovani d’Italia: ti senti ‘arrivata’?
«No, assolutamente. A maggior ragione nella nostra epoca in cui lo sviluppo della rete ti stimola a creare cose sempre nuove. Mi piace dire che noi, contemporaneamente, portiamo il ‘global’ nel locale, e viceversa».

Le prossime novità di Ostia tv?
«Un tg online, un programma musicale in cui daremo spazio a gruppi locali e un programma sulla natura».

Accetteresti compromessi per uno scoop?
«Dipende dal tipo; di sicuro non di tipo economico o che mettano a repentaglio la mia dignità di donna…».

Cosa c’è nel tuo tg ideale?
«Notizie positive, tante. Attenzione per le eccellenze, per chi riesce a fare molto meglio degli apparati ‘ufficiali’. Non c’è spazio per il gossip, inteso come trash».

Ti rimetteresti in discussione in un’altra realtà?
«Forse, ma senza lasciare la mia creatura. L’ho creata e spero di vederla sviluppare sempre più».

Il look da ‘direttora’?
«Femminile. Ma non sempre col tacco 12! Vado sul ‘campo’ in prima persona, capita di finire nei posti e nelle condizioni più disparate, e per questo cerco di essere casual. Senza però trascurare, ovvio, la massima cura dell’aspetto che per un lavoro a contatto con il pubblico come il nostro richiede».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster