Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Serena Albano tutte le interviste
Telegiornaliste anno III N. 30 (108) del 30 luglio 2007

Serena Albano: le battaglie di una direttora di Giuseppe Bosso

Nata a Napoli, Serena Albano è giornalista professionista dal 2004. E' direttore del tg di Canale 8, prima in Italia ad aver ottenuto la concessione per trasmettere sul digitale terrestre, e della testata giornalistica del canale satellitare Libera.
Ha esordito come annunciatrice presso l'emittente campana Teleeuropa, dove ha anche condotto trasmissioni per bambini e di intrattenimento.

Una tra le poche donne ad essere direttore di un telegiornale in Italia: come mai, secondo te, a livello nazionale queste cariche sono ancora "patrimonio" maschile?
«Qualcosa sta cambiando man mano, ma al momento sono gli uomini a decidere, anche se ce la mettiamo tutta.
Ho avuto questa possibilità anzitutto grazie alla fiducia dell’editore Lilly Albano, che è, preciso, mia sorella, ma non per questo mi ha favorito in quanto tale: ha avuto fiducia in me. La mia fortuna è stata anzitutto quella di poter cominciare, prima che come giornalista, come conduttrice televisiva, e questo mi ha dato una spinta in più.
Inoltre, vivendo in una città difficile come Napoli, mi sono abituata fin dall’inizio a fare tutto da sola, dalla preparazione delle interviste alla conduzione, e questo mi ha permesso di formarmi molto bene».

E quale, tra le tue colleghe che operano a livello nazionale, merita di dirigere un tg?
«Lilli Gruber, giornalista molto preparata e persona di grande intelligenza. Ha fatto la scelta di impegnarsi in politica, dove ritengo possa fare del suo meglio per le sue qualità. È ammirevole per il fatto che si sia buttata nella mischia in un momento molto difficile, in cui la classe politica non ispira fiducia al cittadino. Ma anche Milena Gabanelli, autrice di Report, meraviglioso programma di informazione pura e coraggiosa di Rai3. Sarebbe auspicabile che ci fossero tante persone serie e preparate come loro».

Hai mai avvertito sfiducia da parte dei suoi colleghi maschi all'avere un direttore donna?
«Se ti riferisci ai colleghi di redazione, no, anche perché mi capita di avere a che fare soprattutto con giovani che riconoscono la mia esperienza e mi hanno sempre dato molta fiducia. In altri ambiti qualcuno, forse, ha espresso con ironia qualche “battutina” ma, a parte questi casi sporadici, posso affermare che almeno nel 99% dei casi non ci sono stati mai problemi, anzi grande stima».

Recentemente hai vinto il premio Cultura classic per il giornalismo regionale con Tiziana Ferrario del Tg1: cosa ammiri in lei?
«La competenza e la serietà; il problema di noi giornalisti è che siamo sempre, chi più chi meno, tenuti a rendere conto ad un editore e, al tempo stesso, a lavorare con la massima imparzialità e questo succede in Rai come a Mediaset».

Ormai Canale8 è una realtà affermata non solo a Napoli; quali sono, secondo te, le chiavi di questa riuscita?
«Direi che una di queste è stata l’intuizione di anticipare l’utilizzo di nuove tecnologie, e anche qui chiamo in causa l’intelligenza dell’editore che ha voluto puntare, investendo, su questo prima degli altri. Come sapete siamo stati i primi ad ottenere la concessione per trasmettere sul digitale terrestre, anticipando nel breve periodo quello che altri ritenevano di poter impiegare più in là».

E sempre a proposito di Napoli, quale dovrebbe essere l'atteggiamento dei media di fronte ai problemi della città, non ultimo l'emergenza rifiuti?
«L’atteggiamento critico è essenziale in questo frangente. Seguire gli eventi e al tempo stesso monitorare senza nascondersi, tenendo informato costantemente il cittadino che si trova tutti i giorni alle prese con questa emergenza. E’ un momento difficile per la nostra realtà ma non impossibile da superare, anche grazie all’aiuto dell’informazione».

Il ritorno in Serie A del Napoli può essere l'inizio di un nuovo corso partenopeo?
«E’ sicuramente stata una gioia e un momento di grande entusiasmo per la città, ma ovviamente di per sé non aiuta a risolvere i problemi. E’ stato soprattutto un successo del presidente De Laurentiis, che ci ha messo tutto il cuore - ma anche, diciamolo, il portafoglio - per raggiungere questo obiettivo che ha dato tanta gioia ai napoletani. Ma i problemi della città sono ben altra cosa».

Qual è la tua giornata tipo?
«Decisamente scombinata. Non potrebbe essere altrimenti, perché oltre che direttore del tg di Canale 8, faccio la pendolare tra Napoli e Roma, dove lavoro a Europa 7, che da anni conduce una vera e propria battaglia per poter trasmettere a livello nazionale. E' un vero e proprio paradosso in quanto, pur avendo ottenuto la concessione, rispettando i parametri fissati dalla legge, non ha mai potuto farlo, a vantaggio di Rete4 che continua a trasmettere pur senza avere ottenuto la concessione. La Legge Gentiloni non ci aiuta, anzi continua a non rispettare i diritti di un nuovo soggetto televisivo che consentirebbe, finalmente, un po’ di obiettivo pluralismo. Ma non finisce qui. La battaglia continua».

 

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster