Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Fabio Caressa tutte le interviste
Fabio CaressaTelegiornaliste anno II N. 39 (71) del 30 ottobre 2006

Fabio Caressa, voce mondiale di Giuseppe Bosso

Fabio Caressa, telecronista di Sky, giornalista professionista dal 1994, inizia a lavorare in televisione nel 1986 a Canale 66, un'emittente locale romana legata alla più famosa TeleRoma 56. Passa a Tele+ nel 1991 come commentatore delle partite di calcio internazionale. Con l'avvento di Sky forma con Beppe Bergomi la coppia principe della pay tv italiana. Ha commentato le partite dell’Italia al vittorioso Mondiale di Germania. E’ sposato con Benedetta Parodi e ha due figlie, Matilde ed Eleonora.

Che sensazione ha provato il 9 luglio nel commentare il trionfo mondiale degli azzurri?
«E’ stato il coronamento di un sogno, che chiunque faccia il mio mestiere vorrebbe realizzare. Una grande emozione di cui non mi sono reso conto che a distanza di pochi giorni».

Ha sentito un po' sua quella Coppa che poi ha avuto modo di toccare?
«Sì, ma soprattutto l’ho sentita un po’ mia per quello che, durante tutta la cavalcata degli azzurri, eravamo riusciti a trasmettere alla gente che ha seguito partita dopo partita questa impresa memorabile».

Avrà avuto modo di risentire le sue telecronache: pensa di essersi lasciato coinvolgere molto emotivamente durante il cammino che ci ha portato dal Ghana alla Francia?
«Assolutamente no; mi sono lasciato coinvolgere come è giusto che fosse, proprio perché la televisione deve trasmettere emozioni, sensazioni palpitanti. Di conseguenza sono io il primo a dovermi lasciare coinvolgere, per consentire al pubblico di vivere questo».

Il trionfo tedesco sembra offuscato dal clamore di Calciopoli: di questa estate 2006 l'immagine di Cannavaro che alza la Coppa al cielo di Berlino non rischia di passare in secondo piano rispetto a quella del procuratore Palazzi che chiede la retrocessione delle squadre coinvolte e del giudice Ruperto che sentenzia?
«Io credo che ormai l’argomento non sia più nemmeno all’ordine del giorno. Ormai tutto quello che è rimasto sono le sentenze, le penalizzazioni e le squalifiche inflitte. La palla ha continuato a rotolare, e quando questo avviene si deve giocoforza voltare pagina e guardare avanti».

Dopo tante peripezie, come quella legata ai diritti televisivi, è ripartito il campionato: è corretto, secondo lei, che fattori come questo possano incidere sullo sport più amato del mondo?
«La televisione e il calcio sono ormai legati in modo che il secondo necessita della prima per la sua stessa esistenza. La televisione permette al tifoso di seguire la sua squadra in campo e durante la settimana, per questo è stato importante risolvere queste questioni».

Cosa sogna di commentare dopo avere avuto la gioia di essere il narratore della vittoria più importante per una nazionale di calcio?
«Beh, sicuramente spero di continuare a fare questo lavoro come ho sempre fatto. Però, ora che mi ci fai pensare, non ho mai commentato una finale di Champions League con una squadra italiana, e spero proprio che quest’anno sia la volta buona».

Anche sua moglie, Benedetta Parodi, è giornalista: ritiene che nella vita di coppia essere colleghi sia un punto a favore o contro?
«Lo svolgere lo stesso lavoro ci aiuta molto a capire quali possono essere i nostri tempi e le nostre esigenze. Poi, per fortuna, non ci sono rivalità tra di noi, perché anche Benedetta, col suo telegiornale, riscuote molto successo e di sicuro questo non può che far bene al nostro rapporto».

versione stampabile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster