Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Giuseppe Gandolfo tutte le interviste
Telegiornaliste anno II N. 13 (45) del 3 aprile 2006

Gandolfo, da volontario a giornalista di Filippo Bisleri

È un volto noto del Tg5, uno degli inviati di punta del tg di Carlo Rossella. Stiamo parlando di Giuseppe "Beppe" Gandolfo che abbiamo raggiunto dopo la sua esperienza professionale alle Olimpiadi.

Beppe, come hai scelto di fare il giornalista?
«L'ho scelto incontrando, all'età di sedici anni, un sacerdote giornalista mentre mi trovavo in Friuli come volontario durante il dopo terremoto».

Cosa ti piace di più della professione giornalistica?
«La varietà degli argomenti da affrontare e l'incontrare ogni giorno persone nuove, diverse».

Sei un inviato: ti ritieni uno dei giornalisti che, per dirla con un'espressione di Anna Maria Chiariello , ama "sporcarsi le scarpe di fango"?
«Le notizie non arrivano sul computer: devi andarle a cercare, devi essere presente sul posto dove accadono per poterle raccontare, almeno per quel che concerne la cronaca».

Quali sono gli argomenti che preferisci affrontare?
«Non ho particolari preferenze. Mi piacciono le storie, il risvolto umano dei fatti».

Hai una preferenza per il giornalismo televisivo o ti piacciono anche altri media come la carta stampata o le radio?
«Ho lavorato per anni in agenzia e collaboro da decenni col quotidiano Avvenire, ma la tv è il mezzo che prediligo per la commistione fra scrittura, immagini e audio».

Nella tua esperienza professionale hai un servizio, un personaggio o un'intervista che più ricordi?
«Non ne ho nessuno in particolare, ma tanti. Ripensandoci, sono molti i volti che mi tornano alla mente di persone che ho incontrato in esperienze tragiche o gioiose, quasi tutte mi hanno lasciato qualcosa, anche se spesso si tratta di incontri fuggevoli».

Chi sono stati i tuoi maestri di giornalismo?
«In questo mestiere non esistono maestri. Certo ci sono colleghi che hanno maggior esperienza, ma ho capito in questi anni che ogni volta che si arriva in un luogo per raccontare una vicenda dobbiamo essere tutti nella medesima condizione, praticanti alle prime armi, pronti a raccogliere tutte le notizie necessarie per fare il pezzo».

Tra colleghi e colleghe chi apprezzi di più?
«Sono in molti, ma il mio mito è Toni Capuozzo. È per me una fortuna poter lavorare, ogni tanto, al fianco di Toni Capuozzo».

Molti sono i giovani che vorrebbero fare i giornalisti. Quali consigli daresti loro?
«Di non arrendersi alle prime difficoltà. Io ho fatto quindici anni di gavetta prima di avere un contratto. Consiglio poi di non settorializzarsi, ma di essere voraci e curiosi, di non credersi mai arrivati, di voler sempre imparare, ricominciare daccapo».

 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster