Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Paola Cambiaghi   Tutte le interviste tutte le interviste
Paola CambiaghiTelegiornaliste anno III N. 32 (110) del 10 settembre 2007

Paola Cambiaghi, il buongiorno si vede dal mattino
di Giuseppe Bosso

Incontriamo questa settimana Paola Cambiaghi, conduttrice della rassegna stampa dell'edizione estiva di Omnibus con Aldo Torchiaro.
Nata a Morbegno, in provincia di Sondrio, Paola ha debuttato sulle reti Mediaset affiancando Raimondo Vianello in Studio tappa. Nel 2000 è passata in Rai dove ha partecipato a I fatti vostri, Sereno variabile e, dall'estate 2003, Uno mattina. Nel gennaio 2005 è approdata a La7, dove ha sostituito Marica Morelli alla conduzione di Omnibus. L'abbiamo vista anche a Il Gol sopra Berlino, durante il Mondiale di Germania, e, con Roberto Bernabai, ad Areagol la scorsa stagione.

Sembra tutto tornato a quattro anni fa, Paola: il caldo torrido, il Milan campione d'Europa e tu costretta a rinunciare alle vacanze per un importante progetto professionale: che differenze trovi tra quella Uno mattina estate del 2003 e questa Omnibus estate?
«Io credo che l’estate sia un buon periodo per affrontare esperienze importanti come queste. Omnibus è da sempre un programma molto seguito, a cui ho lavorato in passato e a cui sono molto affezionata. Ho accettato con entusiasmo la proposta del direttore Antonello Piroso di collaborare con Aldo e Luisella, anche perché si trattava di un'importante riconferma da parte di La7.
Così come ho lavorato con piacere a Uno mattina estate con Franco Di Mare, Sonia Grey, Maria Teresa Ruta - per la versione Sabato & Domenica - e le altre ragazze. Tra cui Caterina Balivo e Eleonora De Nardis».

Quando nel gennaio 2005 sei subentrata a Marica Morelli nacquero non poche perplessità , anche nel nostro forum, principalmente per il fatto che non eri giornalista professionista. Le perplessità sembrano ora superate: cosa vuoi dire a proposito?
«Che il pubblico fosse dispiaciuto di non vedere più Marica è comprensibile. Quando porti avanti un programma da tanto tempo e lo fai bene la gente si affeziona e ti identifica con quella trasmissione. Per quanto riguarda il discorso dell'Albo dei giornalisti, capisco che chi fa parte di una categoria che ha delle istituzioni tenda a tutelare gli iscritti, però credo che talvolta si possa assumere un atteggiamento un po' più elastico, come del resto mi pare abbia detto anche Aldo stesso quando l’avete intervistato. Se poi, come mi dici, quelle perplessità sono state superate, ciò non può che farmi piacere. Per la rassegna stampa di Omnibus l'elemento più importante è informare i telespettatori usando obiettività, precisione e chiarezza, fondamentale per la lettura dei quotidiani che si svolge nelle prime ore del mattino, quando il pubblico si è appena svegliato».

Paola Cambiaghi e Aldo TorchiaroChe rapporto hai avuto, finora, con i giornalisti più esperti di La7?
«Molto buono. È sempre bello poter avere accanto qualcuno che ha maggior esperienza; si può migliorare e ottenere grandi stimoli per crescere professionalmente».

Hai alle spalle una lunga formazione di conduttrice in programmi di intrattenimento, hai lavorato con personaggi come Vianello, Iva Zanicchi e Bevilacqua. Ora sei passata all'informazione su La7: continuerai questo percorso?
«Questa svolta è stata davvero stimolante, mi auguro di continuare così. Da quando sono a La7 ho vissuto parentesi molto belle, sia ad Omnibus che in ambito sportivo con Darwin Pastorin l’estate scorsa a Il gol sopra Berlino e quest’anno ad Areagol. Tuttavia, anche a Unomattina e a Sereno variabile mi occupavo di interviste e servizi che avevano contenuti d’informazione. Potendo scegliere, avrei dato fin dall'inizio una linea più definita al mio percorso lavorativo, ma non sempre ti vengono offerte le possibilità che desideri. In ogni caso, ho sempre lavorato con impegno».

Pensando a te è il caso proprio di dire «iniziare la giornata con il sorriso»: è l'atteggiamento giusto anche per affrontare la lettura di notizie gravi o dolorose?
«Purtroppo è vero che buona parte delle notizie che io e Aldo dobbiamo leggere al mattino sono negative, e quest’estate non è certo stata da meno. In questi casi mantenere una certa serietà è doveroso, senza però negare che, quando ci capitano tra le mani notizie un po’ più leggere, un sorriso possa anche scappare, ma è anche un modo per coinvolgere il pubblico da casa».

Sempre sorridente e solare, ma non ti è mai capitato di pensare di porti in maniera un po' più aggressiva? Paola Saluzzi, che quando conduceva Uno mattina era tutto miele e sorrisi, tempo fa ha ammesso di essersi pentita di quel periodo.
«Non so esattamente cosa intendesse dire la Saluzzi, comunque io sono così di carattere. Sono tendenzialmente solare e positiva, tanto sul lavoro quanto nella vita privata. E' un atteggiamento che mi viene spontaneo e non lo faccio certo per ingraziarmi la gente. Essere ben disposti verso gli altri credo sia una buona regola da seguire nella vita, anche se quando serve non esito a tirare fuori le unghie».

Dopo Vallettopoli sembra che il piccolo schermo inizi a puntare su ragazze acqua e sapone come te: cosa ne pensi?
«Che sia la strada giusta da seguire lo credo fermamente, ma non mi pare, a pensarci bene, che siano cambiate molto le cose. Vallettopoli non è che l’ennesimo caso-polverone che ha caratterizzato il nostro Paese, e che dopo aver creato un grande scompiglio iniziale si è affievolito. Semmai sono stati in parecchi a guadagnarci, quei personaggi che dal caso hanno ottenuto una grande notorietà, e non serve certo fare nomi, sono sotto gli occhi di tutti. Per il resto, preferirei una tv meno volgare e in cui vengano superati alcuni stereotipi che riguardano le donne. E' ovvio che tutti cerchino di valorizzare la propria immagine, ma la bellezza non deve essere considerata un fattore a discapito della credibilità professionale. Si può essere belle e brave allo stesso tempo. Luisella Costamagna, in questo senso, è un perfetto esempio di donna che è riuscita a coniugare eleganza e professionalità».

Concludiamo con un gioco: Paola, chiudi gli occhi e immaginati tra dieci anni. Sei conduttrice di programmi di intrattenimento o anchorwoman d'assalto?
«Non escluderei nessuna delle due possibilità. Mi piacerebbe trovare un'applicazione pratica nel lavoro dei miei studi: sono interprete e l'anno prossimo mi laureerò in Scienze Storiche. Mi risulta difficile però fare programmi a lunga scadenza, visto che non so mai con certezza cosa farò tra una settimana. Come tutte le medaglie, questo lavoro ha il suo lato buono e il suo lato negativo; il primo è che puoi scegliere tra tante esperienze e molti campi in cui cimentarti, il brutto, ahimé, è rappresentato dalla grande incertezza. Non puoi mai sapere cosa ti riserva il futuro. Dovendo proprio darti una risposta, spero vivamente di riuscire a continuare a fare questo lavoro con la medesima passione di oggi e al tempo stesso trovare spazi più definiti nella mia vita privata».

versione stampabile

Pallavoliste volley femminile


HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster