Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio
Telegiornaliste anno II N. 9 (41) del 6 marzo 2006


MONITOR Patrizia Fontana, tgista eclettica di Filippo Bisleri

È senza dubbio una giornalista versatile, dinamica, amante delle tecnologie. Tanto da essere una redattrice del teletext di Mediavideo, una conduttrice e una valente giornalista della squadra del Tgcom.
Patrizia Fontana com’è diventa una giornalista? Per amore?
«L'amore per questo lavoro mi è venuto quando avevo quattordici anni. Con la scuola incontrammo Madre Teresa di Calcutta . Gli organizzatori chiesero agli studenti di fare una domanda alla suora, ma nessuno aveva il coraggio di cominciare. Io mi alzai e per prima le chiesi - lo ricordo ancora - come era stato accolto il cristianesimo in un paese a maggioranza indù.
Non ricordo la risposta perché ero troppo emozionata, ma quel giorno ho capito che avrei voluto fare questo lavoro perché mi consentiva di entrare nella vita delle persone e indagare gli eventi. Trovo che sia una cosa affascinante».
Cosa ti piace di più della professione giornalistica?
«Mi piace conoscere la gente e sentire cosa pensa. Mi piace essere lì a dare la notizia a quelli che non sanno quello che è successo. Mi dà un brivido che nient'altro è in grado di darmi».
Quali sono gli argomenti che preferisci affrontare?
«Mi piacciono gli argomenti scientifici. L'astronomia, la biologia, la medicina. Il mio sogno è condurre una sorta di Tg Leonardo o La macchina del Tempo. Non oso dire Quark».
Hai una preferenza per il giornalismo televisivo o ti piacciono anche altri media come la carta stampata o le radio?
«Nella mia carriera ho fatto un po' di tutto tranne la radio. Preferisco il giornalismo televisivo perché credo che con le immagini si possano comunicare elementi in più, cosa che la carta stampata non consente. Un servizio che feci per il Tg4 sul Lago di Aral che si stava prosciugando».
Chi sono stati i tuoi maestri di giornalismo?
«Si impara un po' da tutti. I miei primissimi sono stati Emilio Fede e Paolo Liguori».
Tra colleghi e colleghe chi apprezzi di più?
«Tra le giornaliste televisive certamente Maria Luisa Busi, Marina Dalcerri, e Cristina Parodi . Hanno un'intonazione nel porgere le notizie che è quasi ammaliante. Non si può non starle ad ascoltare. Mi ispiro a loro».
Molti sono i giovani che vorrebbero fare i giornalisti. Quali consigli daresti loro?
«Se il desiderio che hanno è veramente forte, non devono lasciarsi abbattere dalle difficoltà che pure sono tante. E poi un pizzico di umiltà non guasta. Grazie a questa non si smette mai di imparare e quindi di migliorare».
CRONACA IN ROSA Corteggiatori d'America, tremate! di Stefania Trivigno

 Nel 2005 la Corte di Cassazione si è espressa in via definitiva contro un funzionario di Caltanissetta che, tre anni prima, non si limitava a svolgere il proprio lavoro. Da semplice esattore fiscale, infatti, si trasformava abilmente in un latin lover disperato. L'uomo corteggiava colleghe e utenti del gentil sesso oltrepassando i limiti della decenza. "Violazione dei doveri di disciplina, di moralità e dignità del dipendente" è l'accusa costata il licenziamento all'esattore siciliano.
Denunce per molestie nei luoghi di lavoro ce ne sono a bizzeffe, senza contare i casi in cui la vittima tace per evitare ritorsioni che, nella migliore delle ipotesi, implicano una riduzione di incarichi e dunque di stipendio.
Negli Stati Uniti, la California, già famosa per aver introdotto nelle scuole il no-contact - divieto di qualsiasi contatto intimo fra studenti - è intervenuta sulla questione con un altro provvedimento.
Le troppe denunce e querele per molestie, seguite da ingenti risarcimenti in denaro a carico dell'azienda, hanno reso indispensabile una nuova legge emessa dalla Corte Suprema.
Il provvedimento stabilisce che periodicamente, nelle aziende con un minimo di 50 dipendenti, siano svolti dei corsi "anti-flirt". Le lezioni si svolgeranno ogni due anni e avranno una durata di due ore ciascuna.
Inimmaginabile quello che si racconterà in aula. Quali saranno le domande rivolte ai dipendenti? Forse se hanno mai guardato con attenzione la collega della scrivania accanto o se hanno mai dimostrato un interesse particolare per un'altra.
Un paradosso che può nascere solo negli USA: evidentemente non soddisfatti di essere già i paladini della democrazia nel mondo, adesso si mettono anche a dettar legge sulla morale negli uffici.
Un dipendente sposato tradisce la moglie flirtando durante l'orario di lavoro? Da oggi il problema lo si risolve american style.
CRONACA IN ROSA Padova, squillo alla finestra di Valeria Pomponi

Quartiere hard sì, ma con un po' di decoro. L'hard olandese vanta le sue donnine in vetrina, esposte come merce per i lussuriosi, ma anche Padova non è da meno. Nella città del Santo, via Confalonieri è diventata una vera e propria zona a luci rosse.
Le donne di vita, per lo più giovanissime extracomunitarie, non affollano, come la tradizione vuole, strade e marciapiedi, ma sono comodamente adagiate su balconi e finestre in attesa dei loro clienti.
 L’alto numero di appartamenti occupati dalle lucciole in zona Pescarotto, ha scatenato forti reazioni da parte degli abitanti, che hanno chiesto l'intervento del Comune. Ivo Rossi, assessore alla Mobilità del Comune di Padova, ha attuato “misure deterrenti innovative a titolo sperimentale” per arginare il problema. Dalle 22.00 alle 5.00 del mattino successivo l'accesso alla "zona del sesso" è consentito ai soli residenti, e i trasgressori riceveranno una sanzione di 71 euro.
L'esercizio della prostituzione in via Confalonieri ha causato l’esodo dei residenti con conseguente abbassamento dei prezzi delle case. Chi ci ha guadagnato? Gli speculatori. Che acquistano a poco prezzo gli appartamenti e li affittano alle lucciole, col risultato di incrementare il giro della prostituzione.
Dal fronte politico, giungono le prime polemiche. L'assessore regionale alle Politiche Sociali del Veneto, Antonio De Poli, ha espresso «preoccupazione per una situazione che ghettizza una zona della città, rendendola senza legge e consegnandola in mano alla criminalità» e «condanna per il ripresentarsi alla cronaca di un triste fenomeno sociale come quello della prostituzione che, oggi come oggi, rimane sostanzialmente un problema di schiavitù».
L'esponente di punta del Comitato per i diritti civili delle prostitute, Pia Covre, sostiene senza mezzi termini il riconoscimento della prostituzione come lavoro, con relativi diritti. E afferma: «Se non si vuol tollerare che nelle città l'offerta del sesso sia diffusa, bisogna accettare l'idea di istituire zone ad hoc. Personalmente, però, trovo illusorio pensare che i quartieri a luci rosse siano la soluzione».
La questione infervora gli animi ma la soluzione del problema è ancora lontana: dalla politica, al di là delle tante polemiche, non sembrano arrivare proposte concrete.
CRONACA IN ROSA IL MONDO DELLE DONNE Vittime familiari di Erica Savazzi

Paola Costa, 44 anni, uccisa a martellate. Chiara Clivio, 27 anni, giustiziata con un colpo di pistola alla testa. Elena Fioroni, 31 anni, punta da un’iniezione avvelenata. Antonia Daprano, 53 anni, colpita dai pallini di un fucile da caccia. Silvia Dragna, 40 anni, e Loredana Mattana, 36, accoltellate.
Sono i nomi delle vittime degli ultimi giorni, morte per mano di mariti o di ex-compagni.
Una strage di famiglia, silenziosa, strisciante. La famiglia serena, senza problemi, la coppia affiatata, le “brave persone” che diventano killer. Inspiegabilmente. Perché fino a qualche attimo prima tutto andava bene. Poi un litigio, un licenziamento, una separazione e la follia. Basta poco, e la donna è la vittima.
Poi ci sono i casi prevedibili, e quando l’inevitabile è successo si scoprono denunce per molestie o maltrattamenti ignorate. È stato il caso di Deborah Rizzato, 23 anni, perseguitata per anni da Emiliano Santangelo, l’uomo che l’aveva violentata da ragazzina e che, uscito di prigione, l’ha uccisa mentre andava a lavorare.
È il caso di Chiara Clivio, che aveva denunciato due volte l’ex compagno, Antonio Palazzo, che a sua volta aveva già tentato di uccidere un’altra fidanzata che l’aveva lasciato per i maltrattamenti subiti.
Sei casi in una settimana. E anche le statistiche prendono atto del problema: secondo lo studio curato da Eures e Ansa «L'omicidio volontario in Italia», nel 2004 ci sono stati 187 omicidi “casalinghi” (erano 201 nel 2003), nel 68,4% dei casi le vittime erano donne, e l’80,4% dei carnefici uomini.
Nel 23% dei casi il movente è di natura passionale, in un altro 23% la causa sono liti e contrasti all’interno della famiglia. I disturbi psichici sono rilevanti nel 12,8% dei casi, per il 9,6% emergono futili motivi, per l’8,6% il delitto è dovuto a un raptus, e per il 6,4% a una situazione di disagio della vittima stessa.
Una situazione complessa quindi, dove sovente si cela una depressione non diagnosticata, come nel caso dell’uomo che, perso il lavoro per la crisi del pollame, si sentiva responsabile della rovina della sua famiglia, fino ad arrivare all’omicidio - suicidio. Ma troppo spesso si sente anche parlare di uomini che uccidono mogli o fidanzate che li hanno lasciati: motivi passionali, si dice, ma che mostrano una concezione della donna come oggetto di proprietà dell’uomo, che deve essere punita se decide di allontanarsi.
FORMAT A pranzo con gli antenati di Nicola Pistoia

Un viaggio indietro nel tempo, tra i fasti imperiali o tra i feudi medioevali, alla riscoperta di sapori ormai spenti e profumi ormai svaniti. Questo è il sunto del nuovo programma partito su Alice Tv, canale satellitare di Sky dedicato alla gastronomia, e che viene trasmesso ogni giovedì sera alle 21.00.
, questo il titolo dello show, si propone di far conoscere ai telespettatori i piatti storici, quelli che sono alla base della cucina moderna, per apprezzare ancora meglio quello che mangiamo.
Il racconto delle invenzioni e delle trasformazioni del cibo, dalle cucine dei castelli medievali alle tavole dei popoli latini, dalla cucina di magro dei cavalieri templari all’ abbondanza dei banchetti del principe rinascimentale, fino alla novità dei prodotti importati dal Nuovo Mondo e ai trionfi delle cucine contemporanee.
E ancora, la trasformazione delle sostanze naturali: nate come medicamento salvatore, divenute ingredienti insostituibili nella cucina di ogni epoca.
Il tutto sotto il rigido controllo di gourmet e specialisti di gastronomia storica, in ambienti che evocano sensazioni lontane ma sempre vive.
Una serie di personaggi tra figuranti, storici e autori che hanno creduto nella realizzazione di un format nuovo, originale e ben fatto.
Tra questi è d’obbligo citare chi fin dall’inizio ha sostenuto il progetto e lo ha portato avanti con amore e dedizione.
Parliamo di Alex Revelli Sorini, ideatore e conduttore della trasmissione, nonché esperto di gastronomia storica, e di Susanna Cutini (sua moglie, ndr), direttore del portale Taccuini storici, esperta di gastronomia storica e autrice del programma. L'abbiamo intervistata.
Come mai questo connubio, insolito per certi aspetti, tra storia e cucina?

«Senza dubbio perché sono appassionata sia di una cosa che dell’altra. Amo cucinare e adoro la storia. Mi piace capire i perché delle cose. Di certo la gastronomia è storia e la storia del passato è legata alla cucina moderna perché, inevitabilmente, l’ha influenzata. Fin dalla notte dei tempi i diversi piatti venivano associati ai grandi personaggi storici, che fossero Giulio Cesare o Napoleone. E quando si parla di gastronomia non si fa riferimento solo ed esclusivamente alla cucina, ma ad una serie di elementi come la tradizione, gli usi, i costumi e le leggende».
Come mai hai scelto la tv satellitare piuttosto che quella in chiaro?
«Il nostro intento, in verità, non è tanto quello di sbancare l’Auditel, come spesso accade per i programmi che vengono trasmessi sulle reti nazionale, bensì di offrire un programma nuovo, intrigante e che solletichi la curiosità dei telespettatori. Per cui puntiamo sulla qualità invece che sulla quantità. E poi il direttore di AliceTv, come donna, è stata entusiasta di appoggiare la nostra idea».
Cosa pensi dei tantissimi programmi che ogni giorno ci riempiono di ricette, talvolta inutili?

«Non amo dare giudizi negativi. Vorrei esprimermi, comunque, su un programma in particolare, che è forse anche quello più importante che parli di cucina: la Prova del Cuoco di Antonella Clerici. Trovo il programma molto divertente, poi Antonella è simpaticissima. Interessante la gara dei cuochi... e poi? La gente ha bisogno di curiosità. In antichità il risotto era definito giallo, oggi è alla milanese, perché? Quindi, non di una curiosità eccessivamente alta, ma sfiziosa. Per capire come si sono tramandate quelle ricette, magari in che periodo storico sono nate. Scoprire i perché della loro origine».
E della cucina moderna?
«Non posso che amare la cucina moderna, visto che è una trasformazione di quella storica. Ma c’è un problema. Secondo me tra qualche anno ci saranno molti più cuochi (cioè coloro che si occupano di cucina dal punto di vista professionale) che donne ai fornelli. Soprattutto ci saranno sempre meno persone (a causa anche della vita frenetica) che apprezzeranno il valore della ricette della nonna, il valore delle tradizioni».
FORMAT Telegiornaliste/i + Telegiornaliste/i – di Filippo Bisleri

Bravissima Paola Rivetta del Tg5, che sta confezionando una serie di servizi da antologia giornalistica e delle ottime conduzioni. Davvero una telegiornalista molto brava e in grado di affrontare al meglio le svariate sfide professionali. Ottima. "9".
Sta ben figurando, in queste settimane, anche David Sassoli. Buone conduzioni del tg in una fase, quella dell'avvio della campagna elettorale, certamente non facile per un Tg1 che, per dirla con Mauro Mazza, è il notiziario filogovernativo. Bravo. "8".
L'avevamo lasciato con un "6" e Mino Taveri, da perfezionista e professionista qual è, ci ha prontamente risposto con due ottime performance a Diretta stadio sempre affiancato da Elisa Triani e dalla giornalista Mikaela Calcagno . Complimenti Mino. "7".
Xavier Jacobelli, direttore di Qs e spesso in tv con Italia7 Gold continua a non convincere. Notiamo però dei segnali di miglioramento e, per questo, alziamo il suo voto. Ma chiediamo costanza e rendimenti che sono nelle sue corde o tornerà al semaforo rosso fisso. "6"
Forse le mancherà l'aria della prima linea, forse le mancherà un po' il tg, fatto sta che le ultime settimane di Federica Sciarelli, il cavaliere Federica Sciarelli, sembrano scialbe. Non alla sua altezza. E se ritornasse al Tg3? Una proposta: salviamo il cavalier Sciarelli. "5".
Francamente le ultime puntate di Controcampo ci hanno deluso. E ci ha deluso soprattutto Giampiero Mughini, sempre più narciso e insofferente alle logiche critiche piovute sulla sua Juventus... È ora di lasciare il piedistallo, o no? Bocciato. "4"
ELZEVIRO Arrivederci amore, ciao di Antonella Lombardi

«Mi licenzio dalla vita, sto solo cercando una liquidazione», dice di sé Giorgio Pellegrini, ex terrorista, cinico e spietato. La liquidazione è il prezzo da pagare alla giustizia per poter essere reintegrato, come una persona onesta, nella società.
Secondo il Codice Penale occorrono cinque anni di buona condotta per ottenere la riabilitazione, ma presto Giorgio (interpretato dall’attore Alessio Boni), si renderà conto che la buona condotta, di per sé, non sarà sufficiente.
Fuggito in America Latina, pur di avere il proprio passaporto per tornare in Europa non esita a sparare alla schiena del proprio compagno, latitante come lui, mentre da una vecchia radio si sente la canzone Arrivederci amore, ciao.
E’ il debito da saldare con gli altri guerriglieri. Giorgio spara, a sangue freddo, senza esitazione, mentre la carcassa di un caimano, trascinato dalla corrente di un fiume limaccioso, mette subito in guardia lo spettatore: il rapporto vittima - carnefice sarà al centro del film.
Consegnatosi alla polizia italiana per avere uno sconto sulla pena, Giorgio rivela i nomi dei propri complici a un vice questore della Digos, Anedda (interpretato da Michele Placido), «un uomo elegante fuori, ma marcio dentro», dice Giorgio, pronto a sfruttarlo e ricattarlo perché ormai è «proprietà della Digos», come gli urla in faccia Anedda.
Il rapporto tra i due sembra apparentemente solidale, anche se aspro: carnefice e vittima, ricattatore e ricattato hanno in comune l’assoluta mancanza di scrupoli, agiscono in coppia, ma sono profondamente diversi; e se Giorgio è freddo, glaciale e misurato, Anedda è reso da Placido come una macchietta concitata, dalla battuta pronta, che a Giorgio dirà: «Tu sei cresciuto a canne e rivoluzione ma l’eskimo te lo pagava papà, io sono cresciuto tra le pecore, qualche volta ci ho pure dormito e ora mi chiamano dottore. Vorrà dire qualcosa, no?».
Tratto dall’omonimo romanzo di Massimo Carlotto, Arrivederci amore, ciao è una storia spietata, cinica, dove non esistono personaggi positivi al 100%: ognuno di essi riesce ad avere solo un rapporto di forza con l’altro.
Vincono i cattivi che non hanno cedimenti, come in Match Point, il film di Woody Allen di cui vi abbiamo riferito nel n. 39 di Telegiornaliste.
Persino la futura moglie di Giorgio, ragazza acqua e sapone che farà da agnello sacrificale alla riabilitazione sociale del protagonista, è figlia del proprio contesto; un po’ bigotta, sottilmente attratta dal misterioso passato di Giorgio, non si interroga a fondo, riesce solo a strappargli due promesse: non essere più un comunista e non tradirla mai con una prostituta. Queste le sue preoccupazioni principali.
Il regista, Michele Soavi, che ha lavorato con due maestri dell’horror come Lamberto Bava e Dario Argento, riesce a rendere bene le atmosfere dark del libro, usa la musica come contrappunto ideale alle vicende.
Per esempio quando priva la canzone di Caterina Caselli (che dà il titolo alla storia) della sua spensieratezza originale per farne un lugubre presagio: «Si muore un po’ per poter vivere».
Il regista fruga tra le pieghe di una società benestante come quella del Nordest “locomotiva d’ Italia”, in realtà corrotta e spietata, alla ricerca di “una peggio gioventù” che non sa resistere al colore dei soldi. Non c’è un lieto fine, non c’è l’ombra di un rimorso, non un accenno di pentimento. Lo sguardo glaciale di Alessio Boni si incolla addosso allo spettatore come la pioggia e il fango che fanno da sfondo alla sua discesa agli Inferi.
Una storia forte, per chi ama i colpi di scena.
ELZEVIRO Senza pregiudizi: Palazzo Crispi ospita l'arte contemporanea di Patrizia Bracci

Dodici artisti di fama internazionale, tra i più prestigiosi nomi del momento, popoleranno le sale dello splendido Palazzo Crispi di Napoli, in un’esposizione di grande raffinatezza formale tesa alla ricerca visiva contemporanea, per una mostra “senza pregiudizi”.
Un intero spazio dedicato a Fulvio Rendhell, pittore, scultore, regista, scenografo, costumista.
Suo il pirotecnico spettacolo inaugurale dei Campionati di Calcio del ’90: il Prometeo Incatenato di Eschilo in chiave fantascientifica (con musiche dei Pink Floyd); sue le varie installazioni in mostre-spettacolo sostenute da performance, esposte negli spazi Comunali di Roma (ex Mattatoio), Ancona, Rimini (ex Fonderia), Riccione.
Rendhell è anche autore di libri in cui affronta le tematiche delle antiche credenze arcane, alla ricerca di un irrazionale sempre presente nell’animo umano.
Un artista poliedrico, da sempre affascinato dai simbolismi dei mondi mitici, fiabeschi e surreali, come i labirinti di colore che catturano l’osservatore in un universo incantato e infantile.
Ma anche altri artisti sfileranno in questa passerella napoletana: Giuseppe Mannino, diviso tra l’impegno artistico e quello istituzionale, come presidente del Consiglio comunale di Roma, che presenta opere “fatte di parole”, espressione del suo percorso letterario.
O ancora Marisa Lambertini, con le sue sculture femminili animate da una libertà dell’impulso primigenio, dove la materia quasi sembra muoversi di vita propria e infine Tommaso Cascella, interprete della pittura italiana contemporanea.
La mostra, ideata e curata da Antonina Zaru, sarà aperta al pubblico tutti i giorni dal lunedì al sabato fino al prossimo 9 aprile. L'ingresso è gratuito.
Per informazioni si possono contattare i numeri 081/7618721 e 06/32507379.
TELEGIORNALISTI Pastanella, il tgista del G8 di Genova di Filippo Bisleri

Trovare Alberto Pastanella, dinamico caposervizio e corrispondente dalla sede di Genova del Tg5, è un’impresa. Alla fine, però, il meeting è riuscito, e abbiamo così potuto rivolgere al giornalista del Tg5 alcune domande per sapere da lui come legge la professione giornalistica e il sistema informativo in generale.
Come hai scelto di fare il giornalista?
«Quando da bambino mi chiedevano cosa volevo fare da grande rispondevo senza esitazioni. Forse perché Topolino era giornalista. Poi ho cominciato le collaborazioni anche per avere una specie di indipendenza economica durante l'università. Il mestiere è affascinante e così mi è entrato nel sangue».
Cosa ti piace di più della professione giornalistica?
«Ritengo sia un privilegio "andare, vedere e raccontare" le cose agli altri. Capire quel che è accaduto, decidere quali siano gli elementi più importanti o interessanti di una notizia e fare da tramite perché anche il pubblico capisca bene gli avvenimenti».
Cosa significa essere inviato di un tg nazionale come è il Tg5?
«Secondo me non c'è molta differenza fra il lavorare per un tg nazionale o uno locale. Il lavoro di base è lo stesso. L'unica vera differenza è che per il tg nazionale spesso occorre affrontare lunghe trasferte. Per il resto è un'esperienza molto interessante: incontri persone, ascolti storie, esamini la società da un punto di vista privilegiato. Ci sono lati positivi e negativi, per me che sono timido - ad esempio - essere riconosciuto per strada è fonte di imbarazzo».
Hai una preferenza per il giornalismo televisivo o ti piacciono anche altri media come la carta stampata o le radio?
«Mi piacciono tutti i tipi di giornalismo: vengo dalla carta stampata, ho collaborato con alcune radio, lavoro in tv. Sono lavori diversi nella forma, nei tempi, nel linguaggio. Ma, sotto sotto, si tratta sempre dello stesso lavoro: raccontare quel che succede».
Nella tua esperienza professionale hai un servizio, un personaggio o un'intervista che più ricordi?
«Ce ne sono tanti. Ho avuto la ventura di incontrare diversi serial killer e di raccontare le loro storie, ho trascorso venti giorni fra gli alluvionati del Piemonte e quasi un mese in un campo accanto alla ferrovia, quando c'è stata la protesta dei produttori di latte.
Forse l'intervista più difficile e delicata, ma anche la meglio riuscita, è stata quella che ho fatto al carabiniere che uccise Carlo Giuliani durante il G8 di Genova. Si trattava di raccontare la storia di due ventenni le cui vite si sono incontrate, scontrate e spezzate in meno di un minuto, mentre attorno a loro accadevano cose molto più grandi di loro».
La tua amica e collega, Anna Maria Chiariello, ha parlato del cronista, dell'inviato, come di colui o colei che ama sporcarsi ancora le scarpe di fango. Ti ritrovi in questa definizione?
«La fatica del cronista è quella di correre contro il tempo, soprattutto in tv. E se fra te e la notizia c'è un mare di fango? Beh, lo attraversi senza starci tanto a pensare sopra».
Chi sono stati i tuoi maestri di giornalismo?
«Giampaolo Rossetti, mio primo caporedattore della cronaca al Tg5, purtroppo scomparso, su tutti. Ma anche Massimo Zamorani, un tempo capo della redazione genovese del Giornale, è stato fondamentale. Purtroppo maestri, nel senso di colleghi più esperti disposti a condividere il proprio sapere con i giovani, nella nostra professione ce ne sono sempre meno. Tutti hanno troppa fretta».
Tra colleghi e colleghe chi apprezzi di più?
«Qui a Genova ci sono molti ottimi cronisti, e ne ho incontrati molti nel mio girovagare professionale. Ho trovato giornalisti bravi e intelligenti ad Alessandria, Piacenza, Bologna, Milano, in Veneto. E non sempre lavoravano per grandi testate. Colgo l'occasione per ringraziare tutti coloro che mi hanno dato una mano, ma sarebbe ingeneroso e sbagliato fare una classifica».
Quali ritieni possano essere le difficoltà, per un giornalista, nel conciliare lavoro e famiglia?
«Un cronista deve avere una famiglia molto comprensiva. Se mia moglie non lo fosse non sopporterebbe le telefonate nel cuore della notte, le trasferte organizzate all'ultimo minuto e sempre di corsa, le cene con gli amici annullate, i giorni di Natale da sola. L'inviato è una specie di zingaro.
E se la famiglia regge, gran parte del merito è del tuo compagno o compagna».
Molti sono i giovani che vorrebbero fare i giornalisti. Quali consigli daresti loro?
«Il giornalismo "entra dalle scarpe" . Occorre affrontare con umiltà il lavoro e ogni servizio come se fosse da prima pagina. Una delle mie prime inchieste fu sulla scomparsa dei vespasiani dal centro di Genova. E fare la cronaca della seduta di un consiglio di quartiere o di una seduta della Camera è assolutamente la stessa cosa. Bisogna avere molta disponibilità, molta voglia di lavorare e soprattutto molta umiltà».
OLIMPIA Lo spirito olimpico di Mario Basile

Tutti sanno che l’Olimpiade è il massimo per un atleta. Parteciparvi è motivo d’orgoglio. E’ un privilegio poter respirare quell’aria di lealtà e di sportività che rende tutto magico. In poche parole, è bello sentirsi avvolti dallo spirito olimpico.
Quello stesso spirito citato nel giuramento che si legge durante la cerimonia d’apertura. Molti pensano che le parole del giuramento siano solo una formalità. Pochi sanno che in esse c’è l’essenza della manifestazione. Sono loro, infatti, a spiegare il grande potere dei giochi olimpici: l’essere capace di dare credibilità e prestigio ad ogni disciplina sportiva, anche a quella che continuamente perde la faccia.
Purtroppo, in ogni Olimpiade, pare che qualcuno non ascolti queste parole. E’ capitato anche a Torino 2006. A sconvolgere l’armonia dei giochi sono arrivati il solito doping e la riammissione da parte del Tas di Isabella Dal Balcon.
Alla vigilia dei giochi dodici atleti hanno valori ematici fuori norma. Niente prova che siano dopati: i valori ematici non cambiano solo con l’assunzione di sostanze proibite. Tutti vengono fermati per precauzione, ma il numero elevato fa nascere qualche sospetto.
Il primo caso di doping accertato arriva dopo pochi giorni. Protagonista la biatleta russa Olga Pyleva, a cui viene ritirata la medaglia d’argento conquistata il giorno prima nella sua disciplina. Squalificata per due anni, la Pyleva decide di ritirarsi.
In Italia il doping è punito dal Codice penale: scattano così le indagini dei Carabinieri dopo alcune segnalazioni fatte direttamente dalla Wada, il massimo organo mondiale antidoping. E puntuale arriva lo scandalo.
I Nas compiono un blitz notturno, in stile Giro d'Italia, negli alloggi dei fondisti austriaci. Ci trovano siringhe e medicinali sospetti. Due atleti addirittura si danno alla fuga, così come Walter Mayer, ex commissario tecnico della nazionale austriaca di fondo.
Mayer, squalificato fino al 2010 perché coinvolto in una vicenda di doping ematico, verrà poi arrestato in Austria il giorno dopo e subito licenziato dalla Federsci austriaca. Ma che ci faceva un tecnico squalificato dal CIO e non accreditato nell’albergo dei fondisti austriaci? Intanto i test effettuati sugli atleti danno tutti esito negativo. Tuttavia anche il semplice possesso di sostanze dopanti è punibile, ed in questo senso stanno lavorando gli inquirenti.
Singolare, invece, la storia di Isabella Dal Balcon. La vicentina, esclusa dalla squadra italiana femminile di snowboard, ha presentato ricorso al Tas contro la sua mancata convocazione. Il Tribunale Arbitrale dello Sport ha accolto la richiesta ed ha ordinato alla Fis e al Coni di mandare a casa una delle atlete già convocate per farle posto.
In un primo momento la scelta era caduta su Corinna Boccacini, ma, anche in questo caso, è stato decisivo il Tas. Sollecitato dal padre della ragazza, il tribunale ha decretato l’esclusione di Lidia Trettel. L’atleta trentina, così come il Ct Peri, ha accettato a malincuore la decisione. Per la cronaca, la gara non ha visto brillare nessuna delle nostre atlete. Ironia della sorte, la migliore tra esse è stata proprio la Dal Balcon.
Brutte storie di una bella Olimpiade. Se il doping purtroppo si conferma uno dei mali dello sport in generale, il caso della Dal Balcon apre scenari inquietanti, anche se le Federazioni hanno già messo a punto dei regolamenti che proteggono le decisioni dei tecnici.
Pensate se Baggio avesse avuto la stessa idea quattro anni fa, quando cercava disperatamente la convocazione ai Mondiali. Il Tas l’avrebbe aggregato alla truppa di Trapattoni, che poi avrebbe dovuto lasciare a casa qualcun altro, il quale a sua volta avrebbe presentato ricorso.
E così via. Provocazioni a parte, il continuo intervento di giuristi e avvocati nelle scelte tecniche avrebbe un effetto devastante per lo sport. La speranza è che la vicenda rimanga isolata. E intanto lo spirito olimpico è andato a farsi benedire.
OLIMPIA Santi, poeti e... pattinatori di Tiziana Ambrosi

Cala il sipario sulle Olimpiadi di Torino e, per forza di cose, anche su tanti sport che tornano alla ribalta solamente ogni quattro anni. E molto spesso solo se l'Italia arriva a medaglia.
Un Paese, il nostro, dove il tg sportivo della Rai, in una finestra all'interno delle Olimpiadi e con la freschissima medaglia di Enrico Fabris, continua ad essere interamente incentrato sul calcio, rasentando persino il gossip.
Spesso durante le settimane dei Giochi si parla e si straparla del cosiddetto "spirito olimpico". Tanta retorica. Anche troppa. Però qualche autentica storia di Sport con la S maiuscola si incrocia.
Tra le grandi figure di questi Giochi, come non ricordare l'azzurra Gerda Weissensteiner, campionessa olimpica di Lillehammer nello slittino, capace - dopo svariate peripezie, dalla morte del fratello pochi giorni dopo la vittoria nel '94 al furto della medaglia - di riadattarsi nel bob a due, in coppia con Jennifer Isacco.
Una discesa di bronzo che per Gerda, 37 anni appena compiuti, vale quanto un oro.
Ancora: Michaela Dorfmeister, sciatrice tedesca, alla sua ultima Olimpiade e a fine carriera, che scendendo dai ripidi versanti del Sestriere, sapendo di non aver niente da perdere, riesce a centrare due medaglie d'oro (Libera e Super G), staccando di molto favorite ed atlete più giovani.
La cinese Dan Zhang che, dopo una rovinosa caduta nel pattinaggio di coppia, cocciuta, stringe i denti e con un ginocchio dolorante conquista una medaglia d'argento dopo un esercizio fatto di volteggi e salti come nulla fosse.
Senza dimenticare due tra i personaggi più puliti di Torino: Enrico Fabris e Giorgio Di Centa.
Poche parole e tanta forza di volontà e di sacrificio che valgono due medaglie d'oro a testa (ed anche una di bronzo per Fabris).
Leggendo queste storie vengono in mente altri grandissimi campioni: Giovanna Trillini , che a Barcellona nel '92, coi legamenti a pezzi tenuti insieme da un tutore tiene sveglia l'Italia conquistando una memorabile medaglia d'oro nel fioretto.
O Juri Chechi, che nel 2004, a 35 anni e dopo il ritiro dall'attività agonistica, sfida sé stesso partecipando alle Olimpiadi di Atene e vincendo agli anelli un bronzo, anche per lui prezioso come un oro.
Come spesso accade, chi è dato per favorito rimane senza gloria.
Accomunati da pallide esibizioni e qualche caduta Carolina Kostner e Giorgio Rocca. Designati come salvatori della patria alla vigilia delle Olimpiadi, sono rimasti entrambi a bocca asciutta. Per loro solo un arrivederci alle prossime esibizioni.
Tutti sport "minori", ma solo perchè gli sponsor sono minori. Pochi soldi, poche piste, poca pubblicità e quindi poche nuove leve. D'altra parte l'abbaglio del guadagno facile ottenuto calciando un pallone stravince il confronto con il sacrificio di girare su una pista di ghiaccio, di fare centinaia di vasche, o di andare di fondo su solitarie montagne.
Torino 2006 rimane comunque un successo inatteso. Infatti la Rai - per la verità sulla base delle statistiche dei Giochi di Salt Lake City, con annesso fuso orario - ha addirittura "svenduto" gli spot pubblicitari, salvo poi mangiarsi le mani viste le punte di share raggiunte da Rai 2 persino col curling.
Un segnale di una insoddisfatta voglia di sport. Finché a dominare sarà il calcio, chi ama lo Sport dovrà accontentarsi delle scorpacciate biennali.
VADEMECUM Online, storia tutta da scrivere di Filippo Bisleri

In Italia i primi esperimenti di testate online risalgono alla metà degli anni Novanta ad opera dell'Unione Sarda (1994) e dell'Unità (1995).
Se l'Unione Sarda con Nicola Grauso si vanta di essere stato addirittura il primo quotidiano europeo online, L'Unità rivendica di essere stato il primo giornale nazionale online.
Entrambi i progetti inizialmente consistevano nel trasferimento in rete del giornale cartaceo, e inoltre offrivano piccole possibilità di interattività.
Uno tra i primi quotidiani a contenere però servizi più ampi e completi è stato Il Sole 24 Ore, che intendeva offrire ai navigatori - lettori un giornale più ricco e diverso da quello cartaceo.
Repubblica.it inizia ad essere presente in rete relativamente tardi (1996), il che non gli ha impedito di essere oggi il quotidiano online con il maggior numero di visitatori al giorno.
All'aumento del numero dei giornali presenti nella Rete si accompagna anche un miglioramento della qualità e dei contenuti dei relativi siti web.
Solo dal 2003 si è cominciato il percorso per una seria regolamentazione delle testate online.
In Italia l'ultimo quotidiano ad andare sul web (notizia del 21 marzo 2000) è il più antico quotidiano d'Italia, la Gazzetta di Parma, fondata nel 1735. Per ora il sito contiene la semplice trasposizione del giornale cartaceo, ma il quotidiano annuncia di volere fare, in futuro, molto di più per raggiungere via rete tutti i parmigiani che vivono fuori dall'Italia.
Accanto ai quotidiani, in molti casi locali (segnaliamo il caso di Varesenews, dove dal giornale cartaceo è nato, di fatto, il giornale online otto anni fa, e sta decollando il servizio di radio on demand), vanno segnalati i periodici a cadenza settimanale come Telegiornaliste.
Altri, come News, sono settimanali in edicola, ma "quasi quotidiani" nell’online con aggiornamenti in tempo reale.
E molti continuano ad essere i quotidiani e periodici con versioni online del cartaceo, o che sfruttano la multimedialità per una maggiore interazione con i lettori offrendo servizi di mailing o ricche gallerie fotografiche, sullo stile Repubblica.it.
I dati di “visita” sono censiti dall’Audiweb. Notevole anche il panorama estero e sportivo.
(22 – continua)
VADEMECUM L'esperto risponde

Valentina di Roma ci chiede
:
E’ possibile iscriversi all’Albo essendo un "giornalista" free-lance?
Risponde Filippo Bisleri:
Naturalmente. Servono le attestazioni di pagamento e le dichiarazioni di collaborazione firmate dai direttori responsabili delle testate con cui si è collaborato.
Barbara ci scrive:
Sono una neolaureata che vorrebbe intraprendere la carriera giornalistica, quindi vorrei svolgere il periodo di praticantato giornalistico, ma non so come fare. Basta contattare le testate giornalistiche e proporsi?
Risponde Filippo Bisleri:
Cara Barbara, mi piacerebbe molto poterti dire che basta proporsi alle redazioni. Purtroppo a riuscire ad avere il praticantato è un sempre minor numero di persone. La situazione sta cambiando e sta per arrivare l'accesso al praticantato per via universitaria e per i laureati. Il mio consiglio è quello di provare l'iscrizione ad un Istituto di formazione al giornalismo (consiglio quello di Milano, puoi vedere al sito Internet www.odg.mi.it) o cominciare a collaborare con riviste. Comincia magari a puntare al tesserino da pubblicista (24 mesi retribuiti) e poi guardati in giro.
Marco B. di Noale, in provincia di Venezia, ci chiede:
Mi piacerebbe poter scrivere su qualche testata regionale dove risiedo; sicuramente non come dei titolati giornalisti della carta stampata, ma come hobby. Cercavo qualche corso gratuito in Veneto o ancora su internet.
Risponde Filippo Bisleri:
Se vuoi scrivere come hobby contatta semplicemente qualche redazione. Diffida dei corsi gratuiti. Al limite considera quelli delle Università e della tua regione o contatta l'Ordine dei giornalisti della tua regione.
EDITORIALE Una "mutanda" da cambiare di Giuseppe Bosso

Qualcuno potrebbe dire “era ora!”; qualcun altro “capirai, ha scoperto l’acqua calda”; ancora si potrebbe dire che è bene sottolineare la cosa, ma che poi, se non c’è un seguito concreto, rimangono solo belle parole e basta.
Certo è comunque che il presidente della Rai Claudio Petruccioli ha probabilmente lanciato un monito significativo, a testimonianza del fatto che la situazione attuale dei palinsesti Rai, in particolare quelli della fascia pomeridiana, l’orario in cui maggiore è l'ascolto da parte dei minori, non può certo dirsi soddisfacente dal punto di vista gestionale del servizio pubblico radiotelevisivo.
Si spera che a questo facciano riscontro effettivi interventi, come ha dichiarato il portavoce del Coordinamento nazionale dei piccoli comuni italiani, Virgilio Caivano, che, senza fare nomi specifici, auspica una vera e propria epurazione a Viale Mazzini.
In ogni ambito, dai dirigenti ai conduttori, dagli autori fino ai «procuratori che», a suo dire, «con le loro scuderie hanno inaridito ed impoverito in maniera irreversibile il servizio pubblico»; e una maggiore valorizzazione di veri talenti e di una migliore qualità dell’offerta ai cittadini verso i quali deve aprirsi maggiormente.
Questo è anche il parere del regista e produttore Pino Tordiglione, promotore della Consulta nazionale della buona comunicazione, che però non prende di mira soltanto la Rai, ma tutto il sistema televisivo italiano, bisognoso di una rifondazione mirata alla creatività nostrana e a una maggiore diversificazione dell’offerta, accantonando programmi troppo simili tra loro per non essere considerati vere e proprie fotocopie.
Certo è che quella della qualità del servizio televisivo, pubblico o privato che sia, è una problematica portata avanti da anni, che il tempo ha solo inasprito, e che la definizione coniata da Petruccioli, che ha chiamato «mutanda d'Europa» la televisione italiana, può essere interpretata sotto tanti punti di vista, ma rimanere fine a se stessa.
I primi anni del terzo millennio sono stati caratterizzati, nel nostro Paese, dall’avvento dei reality show, sempre più trash e non certo la massima espressione in fatto di qualità.
In bene o in male, comunque, se ne parla
, e se ne parlerà sempre. E per quanto li si voglia prendere di mira ormai sono una realtà consolidata non solo dei nostri palinsesti, ma del nostro quotidiano.
Come dimenticare la definizione coniata anni fa dalla consorte del presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, signora Franca, che definì «deficiente» la nostra televisione?
Per non cadere troppo nella retorica ed evitare i tanti, troppi, discorsi da salotto che hanno animato e animano i dibattiti sul tema, ci vogliamo limitare a due considerazioni.
Prima di tutto è bene non fare di tutta l’erba un fascio: che il trash e la volgarità siano connotati presenti in molte trasmissioni, anche di punta, non è purtroppo un mistero; ma accanto a questi ci sono anche (ed è questo forse il punto dal quale partire per una riorganizzazione qualitativa) personaggi e programmi, non valorizzati, che hanno saputo esprimere quella qualità che tanto preme a Petruccioli e Caivano, e che meriterebbero maggiori spazi.
In secondo luogo, se i cosiddetti “programmi mutanda” vanno tanto per la lunga, parte della colpa ce l'ha il pubblico, vero giudice della guerra degli ascolti; sono gli spettatori, con un clic sul telecomando, a indirizzare le loro preferenze su questo o quel canale, sul programma dove c’è la valletta con la generosa scollatura, o su quell’altro dove si assiste al “dibattito” tra i due “opinionisti” di turno - condito spesso da parolacce e situazioni che sfiorano la rissa.
Sarebbe forse il caso che la “riorganizzazione” partisse prima di tutto nella mente dei destinatari del messaggio televisivo, che dalla penna degli autori.
 
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster